La zona notte svanisce in un magico cubo viola

19
Questo piccolo appartamento è stato ristrutturato per essere sia abitazione che ufficio. Flessibile e adattabile, lo spazio si trasforma con strutture movibili, pannelli scorrevoli e piani ribaltabili

Per sfruttare al meglio lo spazio e beneficiare della luce naturale nella zona soggiorno-studio, le pareti divisorie preesistenti sono state completamente demolite; la pianta così “svuotata” diviene un insieme di operazioni integrate tramite la distribuzione strategica e l'uso di elementi mobili nell'arredo.

Una parete curva si pone come diaframma fra la zona giorno e gli ambienti più privati, la zona notte e il bagno: un cubo di 200 cm di lato costruito su una struttura rotante ospita lo spazio dedicato al riposo con un letto disegnato su misura. Una camera che gira, che può acquistare più o meno spazio secondo se viene utilizzata, che può essere unita o separata dall’ambiente circostante. Un piccolo luogo mutevole che permette di guadagnare maggiore o minore intimità a seconda dell'occasione, rimanendo o meno nascosta dietro a pareti di lamiera stirata viola.

Tre pannelli in mdf pantografato a taglio laser su disegno ricalcano nelle linee la sagoma dell'immagine tratta da Encyclopedia of Flowers (utilizzata anche per le porte a vetri del bagno) e chiudono l'intera parete che contiene la cucina, gli elettrodomestici, la dispensa, gli armadi e la libreria, creando uno spazio continuo che si modifica secondo le esigenze e gli orari della giornata. Lastre semitrasparenti in plexiglas, sempre viola, fungono da piano per il tavolo/scrivania progettato su misura e si appoggiano su una robusta ma leggera struttura in legno di larice americano.

Il bagno, richiedendo un maggior livello di privacy è stato progettato come l'unica unità chiusa della casa: una “scatola magica” che crea un paesaggio mutevole di luci, ombre e riflessi colorati che si moltiplicano, impreziosendo l'ambiente. Le porte in vetro traslucido assicurano al suo interno un'illuminazione naturale: la pellicola fotografica con motivi floreali, racchiusa tra i due vetri chiari, possiede un grado di trasparenza tale da lasciar filtrare la luce e creare riflessi iridescenti. I petali e i colori si riflettono sul grande specchio che ospita il lavabo a sbalzo, amplificando lo spazio.

I decori floreali sono il tema conduttore della casa, un omaggio alle installazioni dei due botanici e artisti giapponesi Makoto Azuma e Shunsuke Shiinoki, molto apprezzate dalla proprietà. 

Le piante del progetto

Scheda progetto
Progetto

Architetto Elisa Enrietto
Strutture
Idea 011
Fotografie
Pier Maulini
I costi
31.000 Lavori edili
5.000 Pavimenti
2.000 Letto girevole con pareti in lamiera stirata
10.000 Cucina a scomparsa con pannelli scorrevoli in mdf pantografato a taglio laser
4.000 Vetri porte con motivi floreali e vetro doccia colorato
50.000 TOTALE (I prezzi sono indicati in euro, escluse Iva e forniture se non espressamente specificate)
I permessi necessari
* Cil (Comunicazione di inizio lavori)
* Durata dei lavori: 1 anno

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome