Una casa di ringhiera dalle forme pulite

ringhiera
Una casa di ringhiera dove gli spazi si intersecano per definire un insieme di aree con funzioni diverse, che confluiscono l'una nell'altra

Un appartamento di una tipica vecchia casa di ringhiera a Milano: locali profondi di metratura minima con bagno esterno collocato sul ballatoio. Attraverso un importante intervento strutturale, ovvero la demolizione del muro portante di separazione dei due locali, è stato possibile realizzare un unico ambiente.

Alcune modifiche alle forature della facciata interna hanno portato la luce necessaria a illuminare i nuovi ambienti. La luce ora viene sfruttata al massimo, esaltata con il bianco delle pareti e degli arredi. Le porte in vetro satinato ne permettono il passaggio senza creare ambienti isolati ma garantendo comunque la privacy.

La scelta del pavimento in parquet industriale di wengé, che ricopre uniformemente gli spazi, crea continuità visiva e risponde in modo ottimale all’esigenza di contenere i costi di ristrutturazione di questa casa di ringhiera. Le lamelle di legno, assemblate in blocchetti con diverse varietà cromatiche, costituiscono infatti un pavimento resistente e durevole, che può essere sottoposto a molteplici levigature nel tempo.

Per la creazione del bagno, prima inesistente, è stata adottata una soluzione che pur rispondendo alla necessità normativa del disimpegno, crea un ambiente di servizio passante.

L’armadiatura a muro continua nasconde, di fronte al lavabo, gli elettrodomestici di servizio (lavatrice e asciugatrice), mentre l’ampia doccia e i sanitari restano schermati dalle porte a vetri. Il particolare delle maniglie sempre uguali concorre a uniformare le ante di porte e armadiature, enfatizzando il ruolo di “corridoio” del disimpegno, senza che il bagno risulti un ambiente separato.

La pulizia visiva della casa di ringhiera è mantenuta anche dalla mancanza di elementi esterni per il riscaldamento e il raffreddamento, sostituiti da un sistema radiante nascosto dietro alle pareti.

La luce è diffusa in modo uniforme dai corpi illuminanti nascosti alla vista e inseriti nelle lunghe scanalature di distacco dalle pareti o al di sopra delle pareti ribassate. Il ridisegno degli spazi ha creato in definitiva un ambiente più luminoso e funzionale, caratterizzato da uniformità estetica.

Le piante del progetto

Scheda progetto
Progetto
Arch. Victor Vasilev con la collaborazione di Raffaele Azzarelli
Strutture
Ing. Mauro Savoldelli
Impresa
Edil Rinova Srl di L. Chiaravalloti
Fotografie
Adriano Pecchio
Costi
40.000 Opere edili
9.000 Opere strutturali
15.000 Impianto di riscaldamento/raffrescamento
7.000 Pavimenti
5.000 Bagno
15.000 Serramenti
19.000 Illuminazione e altri costi
110.000 TOTALE
I prezzi sono indicati in euro, escluse Iva e forniture se non espressamente specificate
I permessi necessari
D.I.A. (Dichiarazione di Inizio Attività)

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome