Come migliorare il comfort acustico

sala
Espediente utilizzato sia per decorare che per ridimensionare la stanza, il controsoffitto è anche un prezioso alleato per isolare acusticamente o termicamente l’ambiente

Sempre più spesso nelle abitazioni si trovano controsoffitti e rivestimenti a parete in grado di migliorare, da un lato, il comfort acustico e, dall’altro, decorare, attraverso finiture e materiali particolari, l’ambiente domestico. 

Solitamente l’idea che si ha del “sistema controsoffitto” è quella di un rivestimento, quasi sempre orizzontale, il cui compito è quello di ridimensionare gli ambienti mediante un ribassamento del soffitto, inserire apparecchi illuminanti e anche creare un comodo ripostiglio in quota, ma vediamo più nello specifico di cosa stiamo parlando. 

Acustico 1
Acustico

Iniziamo con il controsoffitto tradizionale. Dal punto di vista tecnico rappresenta un sistema di rivestimento del soffitto, caratterizzato da elementi modulari leggeri, collegati da una struttura continua oppure puntiforme e discontinua; può essere realizzato direttamente in opera o utilizzando elementi prefabbricati, disponibili sotto forma di pannelli, doghe o lastre di diverso materiale. Le sue principali caratteristiche sono la semplicità di montaggio, la modularità, l’adattabilità ad ambienti dalle più svariate dimensioni e la rapidità di posa che, unite a un’ampia gamma di soluzioni e tipologie, ne fanno un prodotto molto diffuso anche in campo residenziale. 

Ecophon Saint Gobain 3
Ecophon Saint Gobain

È però possibile trovare applicazioni anche di altre tipologie di controsoffitti. Non è raro trovare elementi per controsoffitti o rivestimenti in legno, in fibre minerali, in materiali plastici, metallici e laminati, sia rettilinei che curvi. Sempre più frequentemente si trovano sul mercato controsoffitti in membrane polimeriche elastiche (PVC) poste in tensione e “formate” grazie a profili posizionati a parete o a soffitto. I controsoffitti realizzati in cartongesso restano comunque i più diffusi, sia per la velocità di realizzazione che per l’adattamento a svariate situazioni gestibili direttamente in opera e, non ultimo, per la possibilità di realizzare forme particolari e complesse o personalizzare un ambiente della casa. 

I controsoffitti possono rivestire completamente o parzialmente il soffitto di un stanza. A seconda delle esigenze, spesso si applicano per creare ribassamenti e integrare luci o impianti termici in soggiorno o in cucina o per aumentare l’isolamento di un solaio al passaggio di calore, riducendo sensibilmente la dispersione termica. 

Caratteristica molto importante dei controsoffitti è anche l’assorbimento acustico: se ben progettato, può risolvere il problema, molto diffuso soprattutto in condomini datati, di sentire rumori dagli appartamenti confinanti (dalle voci dei vicini agli elettrodomestici, agli scarichi) o dall’esterno. Sono presenti in commercio apposite lastre costituite da miscele particolari e dotate di una finitura superficiale appositamente studiata per ridurre riverberi e fastidi acustici.

Di grande successo sono anche i pannelli in fibra di poliestere disponibili in diverse forme e dimensioni che appesi al soffitto in posizioni specifiche hanno lo scopo di arredare, illuminare e migliorare l’acustica dello spazio interno. 

I pannelli possono essere di diversi materiali: dal legno ai tessuti di materiale plastico.

Per approfondire: come si posa il controsoffitto tradizionale?

La posa in opera di un controsoffitto tradizionale inizia predisponendo la struttura metallica sulla quale saranno saranno avvitate le lastre di cartongesso posizionate a giunti sfalsati. Successivamente si procede alla stuccatura, dopo aver disposto lungo gli spigoli perimetrali un nastro che ha la funzione di guarnizione acustica e di limitazione della trasmissione delle tensioni tra la muratura e il soffitto (impedisce anche la spaccatura degli angoli dopo la stuccatura). Ora è pronto per la tinteggiatura finale.

Costo del controsoffitto

La forbice dei prezzi è ampia e dipende dal tipo di materiale di finitura del controsoffitto e nello specifico dalle caratteristiche dei materiali utilizzati (la reazione al fuoco o le proprietà termo-acustiche per esempio). Nel caso di controsoffitti in cartongesso e per superfici superiori a 30 metri quadri, il prezzo può variare da 25 a 35 €/mq. compresa la struttura, le lastre in cartongesso e gli accessori. Nel caso di sistemi modulari, il prezzo dipende molto dal materiale e può andare da 55 fino a 150 €/mq. 

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome