La presa Sicury compie 50 anni

Il 15 marzo del 1968 Vimar depositava il brevetto del meccanismo che ha reso sicure le prese elettriche. Un'invenzione diventata standard internazionale

Cinquant'anni fa vedeva la luce un'invenzione destinata a cambiare il destino delle prese elettriche. E si tratta di un'invenzione tutta italiana. Siamo nel 1968, il 15 marzo in particolare, quando viene brevettato da Vimar l'otturatore di protezione Sicury, che impedisce il contatto accidentale con le parti in tensione delle prese, rendendo da quel giorno la vita delle persone più sicura, in particoalre quella dei bambini.
Ritenuto troppo importante per la sicurezza delle persone, il brevetto Sicury fu concesso gratuitamente al mercato e in breve tempo è stato adottato da tutti i player del settore elettrico, contribuendo a modificare le normative di riferimento.

Sicury è un otturatore rotante a forma di elica in materiale plastico che chiude dall’interno i fori della presa impedendo l’accesso diretto di qualsiasi oggetto. Solo se sollecitato dalla pressione di una spina contemporaneamente su entrambi i lati, l’otturatore ruota su se stesso aprendo i fori della presa e permettendo così il contatto elettrico. Qualsiasi altro oggetto non è quindi in grado di aprire l’otturatore e di arrivare alle parti in tensione.

Oggi, a distanza di 50 anni dalla registrazione del brevetto, questa rivoluzionaria invenzione mostra ancora una volta tutta la propria importanza, per aver cambiato il livello della sicurezza negli impianti elettrici, in Italia e all’estero, essendosi imposta come un vero e proprio standard di sicurezza internazionale.
In occasione dell’anniversario di Sicury, Vimar ricorda a tutti non solo che la sicurezza dell’impianto elettrico è un elemento di assoluta importanza ma che il nostro Paese ha avuto un ruolo significativo nella sua definizione sia normativa che produttiva.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here