Una casa all’insegna della luce e della leggerezza

1
Una vecchia casa colonica toscana viene ristrutturata con l'intento di raccontare gli elementi del passato in una nuova visione: in questo modo si rende evidente l'equilibrio tra tradizione e contemporaneo, tra luce e buio, tra chiaro e scuro

Una vecchia casa colonica toscana negli anni rimaneggiata e adattata ai nuovi tempi, cela al suo interno il vecchio stemma del casato, un sole in pietra serena che segna uno spazio residenziale dal forte carattere.

Tanti sono i protagonisti della scena architettonica che ci appare durante il nostro primo sopralluogo: massicce travi in legno, pavimento in parquet Cabreuva, stucchi colorati di pessima fattura e pareti verticali con pietra a vista, sono un fondale importante dalla forte personalità sul quale muoversi leggeri per non appesantire l'ambiente.

Luce e leggerezza sono le due parole chiave che ci hanno accompagnato nella progettazione di questo spazio residenziale; da una parte il cliente che guardava con grande sospetto e paura agli elementi della tradizione, dall'altra l'idea progettuale che vuole raccontare gli stessi elementi in una nuova visione, il sapiente equilibrio tra tradizione e contemporaneo, tra luce e buio, tra chiaro e scuro.

Per dare forza a questa visione bisogna eliminare il superfluo, quei pieni che sono una barriera alla penetrazione trasversale della luce, per questo motivo a piano terra la zona giorno viene pensata come un unico ambiente; colori chiari e caldi caratterizzano la cucina ed il rivestimento a parete, mentre l'isola centrale diventa il perno intorno al quale si snoda la quotidianità della vita domestica.

zona pranzoLa zona pranzo da una parte e un angolo relax/pensatoio dall'altra, si stagliano sulla parete in pietra che viene valorizzata da un sistema di illuminazione a led con effetto wash-wall, che ne fa risaltare la matericità donando grande vibrazione all'interno dell'ambiente. Pezzi di arredo dal forte carattere contemporaneo vanno a creare un interessante contrasto tra tradizione e design, l'uso del colore diventa protagonista e dona leggerezza all'austerità materica della pietra che assume una luce diversa e nuova anche dopo aver schiarito e levigato lo scuro legno africano a pavimento.

Gli elementi pieni che avrebbero contrastato con la percezione unica dello spazio sono stati alleggeriti quasi smaterializzati: la porta di accesso alla zona notte è un grande specchio che moltiplica lo spazio e crea un interessante effetto di contrasto tra leggerezza e concretezza quando si va a sovrapporre alla parete in pietra. Il parapetto del soppalco esistente pieno e opaco, viene sostituito con un vetro extra chiaro che permette di percepire completamente la profondità dello spazio e lo sviluppo del tetto in legno, mentre una veletta di luce nasconde l'attacco tra parete e tetto inclinato per alleggerire e smaterializzare la costruzione.

Si accede al soppalco con una scala in legno e metallo, una piccola architettura che sembra voler quasi essere un tributo alle ben più note avanguardie russe dei primi del '900, qui troviamo la zona living della casa dove relax e gioco si alternano in un equilibrio domestico tra generazioni.

La porta scorrevole a specchio del piano terra conduce alla zona notte, qui la camera matrimoniale è impreziosita da una carta da parati su disegno, in cui vengono sintetizzate le due richieste del cliente: il soggetto stesso più un' atmosfera dai colori rilassanti. Arredi, luci ed opere d'arte concorrono alla realizzazione di un ambiente dall'atmosfera soft e accogliente.

Il bagno completamente rinnovato nei materiali e nelle luci, continua nel segno di tutto l'intervento: l'utilizzo di colori chiari e caldi ed il contrasto tra contemporaneo e tradizione. Il gres effetto resina si accosta ad una ceramica bianca classica - leggermente bombata - uniti da un profilo di ottone spazzolato che segna il passaggio di materiale. Anche l'illuminazione gioca sul mix tra le classiche (ma dal gusto contemporaneo) sospensioni dello specchio con i faretti e veletta a parete che nasconde un vibrante effetto wash-wall sulle ceramiche della doccia.

Le piante del progetto

Scheda progetto
Progetto

Pierluigi Percoco e Alessia Bettazzi B+P Architetti
Progetto illuminotecnico
Pierluigi Percoco e Alessia Bettazzi
Fotografie
Darragh Hehir

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome