Porte per interni: dieci modi per cambiare gli ambienti

Il sistema Teatro di Lualdi: porta e sistema divisorio, si tratta di un elemento personalizzabile disegnato da Andrea Boschetti e capace di trasformarsi in una scenografia flessibile. Nella versione in foto, presenta 4 ante pivottanti per un’altezza di 3 metri e una larghezza totale di 4.
A battente, filomuro, scorrevole, pivottante o rototraslante: le porte per interni rispondono alle esigenze di spazio proponendosi in diversi stili

Dalle più semplici, le porte a battente, a quelle progettate per risolvere questioni legate allo spazio, quindi in grado di ingombrare il meno possibile (è il caso delle pieghevoli e delle rototraslanti, ad esempio) o di risolvere il progetto di interior design: il mondo delle porte comprende numerose declinazioni sul tema.

Sì, perché una porta può diventare un elemento fondamentale nella definizione degli interni, sia quando si mimetizza il più possibile con le pareti che le ospitano – succede con la tipologia di porte filomuro – sia quando, al contrario, diventa elemento di contrasto, come le porte scorrevoli in vetro, che si trasformano in pareti trasparenti, o le porte disponibili in diversi colori e che diventano il punto focale dell'ambiente.

A ognuno la propria porta!

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome