Nove parole chiave per il Salone del Mobile 2018

Presentata la 57esima edizione del Salone del Mobile, in calendario dal 17 al 22 aprile. Emozione, Impresa, Qualità, Progetto, Sistema, Giovani, Cultura, Comunicazione, Milano al centro sono i congetti cardine

La conferenza stampa di presentazione del Salone del Mobile di Milano 2018, che quest’anno è stata organizzata nell’Aula Magna dell’Università Bocconi, ha avuto come fil rouge alcuni concetti salienti riassunti nel primo “Manifesto del Salone del Mobile.Milano”.
Un “patto di intenti” che vuole riassumere e sottolineare i punti di forza e gli elementi di interconnessione dell’evento con la città. Una premessa, e promessa, che ricorda quanto i due brand siano stati capaci negli ultimi anni di fare Sistema, non a caso una delle parole chiavi del documento, e di essere propulsore di energie positive del mondo del progetto.

In qualità di presidente del Salone, Claudio Luti, ad di Kartell, ha commentato le parole chiave del Manifesto - Emozione, Impresa, Qualità, Progetto, Sistema, Giovani, Cultura, Comunicazione, Milano al centro -  chiamando sul palco ospiti istituzionali, primo tra tutti il sindaco Giuseppe Sala, e grandi protagonisti del progetto come Stefano Boeri, Piero Lissoni, Fabio Novembre e Carlo Ratti.

Un'edizione con cinque manifestazioni

Sono cinque le manifestazioni che occuperanno l’area di  di Fiera Milano Rho e che coinvolgeranno oltre 2.000 espositori: Il Salone Internazionale del Mobile e il Salone Internazionale del Complemento d’Arredo (suddivisi nelle tipologie stilistiche Classico: Tradizione nel Futuro, Design e xLux), le biennali EuroCucina (alla sua 22esima edizione) e il suo evento collaterale FTK (Technology For the Kitchen), il Salone Internazionale del Bagno, e il SaloneSatellite.

L’evento in città

Carlo Ratti, architetto e ingegnere, nonché professore presso il Massachusetts Institute of Technology di Boston, dove dirige il MIT Senseable City Lab, è l’artefice dell’installazione più importante organizzata dal Salone nel cuore di Milano, nello spazio antistante a Palazzo Reale. Un progetto che vuole “riconnetterci con la natura” e che interpreta gli spazi interni dell’abitare attraverso le quattro stagioni, riprodotte anche climaticamente con un sistema di raffreddamento e riscaldamento sostenibile.
Parlando ancora di Milano e del suo imprescindibile rapporto con il mondo del design italiano - capace di rischiare e nato da una condivisa “qualità della follia” come ha ricordato l’architetto Piero Lissoni -  è stata confermata la nascita del futuro e atteso Museo del design che sarà ospitato in modo permanente alla Triennale.

I numeri del Salone del Mobile

Salone del Mobile.Milano
Oltre 205.000 mq di superficie netta espositiva e più di 2.000 espositori
di cui circa 650 i designer del SaloneSatellite – con un 22% di aziende estere

Salone Internazionale del Mobile e Salone Internazionale del Complemento d’Arredo
Oltre 1.300 espositori per 148.000 mq suddivisi in 3 tipologie stilistiche:
– Design – 818 espositori – padiglioni 5-6-7-8-10-12-14-16-18-20
– xLux – 218 espositori – padiglioni 1-3
– Classico: Tradizione nel Futuro – 270 espositori – padiglioni 2-4

EuroCucina
111 espositori di cui 23% esteri su oltre 21.800 mq – padiglioni 9-11 e 13-15

FTK (Technology For the Kitchen)
47 espositori di cui 42% esteri su oltre 14.300 mq – padiglioni 9-11 e 13-15

Salone Internazionale del Bagno
228 espositori di cui 12% esteri su 20.600 mq – padiglioni 22-24

SaloneSatellite
650 designer e neo-laureandi

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here