La Luna alla conquista del design

Il 20 luglio si celebreranno i 50 anni dallo sbarco sulla Luna. Per questa occasione, vi proponiamo una carrellata di prodotti che richiamano per forme e colore l'unico satellite del nostro pianete che ha iniziato a ispirare anche l'arredo casa in svariati modi

A 50 anni dalla conquista della Luna da parte degli astronauti dell’Apollo 11, ci chiediamo: siamo stati noi a conquistare la Luna o è stato il nostro satellite a conquistare noi?

Anche nel campo del design, infatti, non mancano i riferimenti di molti architetti alla forma lunare. Sedie, luci, tavoli e poltrone: ecco una nostra selezione di complementi d'arredo che richiamano l'unico satellite del nostro pianeta.

1. Arper - Pratico e versatile 

Yop, Foto di Marco Covi

Massima efficienza e ottimizzazione dello spazio, Yop è la soluzione ideale per spazi che richiedono leggerezza ed elegante funzionalità. Yop è un tavolo dalla versatile praticità, progettato per essere aperto quando serve e poi richiuso per facilitarne lo stoccaggio. Progettato con un meccanismo di ribaltamento integrato, presenta forme essenziali per un ridotto impatto visivo ed una leggerezza funzionale. Le molteplici opzioni di finitura, dal laminato ad alta pressione al legno ne accentuano il linguaggio espressivo, rendendolo adatto adiversi stili, ambientazioni e applicazioni d’uso. Yop è disponibile anche in versione fissa (senza meccanismo di ribaltamento). Yop è disponibile nelle versioni con piano rotondo, quadrato e rettangolare.

2. B-Line - In e out

Gemma, B-Line

Disegnata da Karim Rashid, il profilo sfaccettato della poltroncina Emma ricorda quello di una pietra preziosa, dove le geometrie disegnano una comoda seduta monolitica. In polietilene stampato in rotazionale, si presta sia all'uso indoor che outdoor.

3. B-Line - Linee rigorose e angoli netti 

Disegnato da Matthias Demacker, linee rigorose e angoli netti definiscono lo sgabello Icon che richiama le piegature della carta che danno origine agli origami. Impilabile, è completamente realizzato in alluminio verniciato antigraffio.

4. B-Line - Un sistema trasformabile

Sedia, poltrona da conversazione o da relax, Multichair, disegnata da Joe Colombo, è un sistema trasformabile attraverso la combinazione dei due elementi che la compongono, utilizzabili anche singolarmente. I cuscini hanno la struttura in acciaio imbottita in poliuretano espanso e rivestita in tessuto elasticizzato, mentre il gioco di forme è ottenuto grazie alle cinghie riposizionabili in cuoio e alle boccole in acciaio cromo-satinato.

5. Arper - Tra estetica e funzione 

Parentesit, Foto di Marco Covi

Nato dalla creatività di Lievore Altherr Molina, Parentesit aggiunge comfort agli ambienti. Parentesit è una collezione di pannelli modulari fonoassorbenti in grado di attenuare il rumore, creando così l’ambiente adatto per la concentrazione. Parentesit è disponibile nelle varianti circolare, quadrata, e ovale: utilizzate singolarmente esprimono il carattere grafico della forma geometrica; disposte insieme consentono di creare composizioni ritmate ed armoniose. Parentesit può essere personalizzato con l’inserimento di casse acustiche e con soluzioni per l’illuminazione d’ambiente, dando vita ad un oggetto in cui estetica e funzione si fondono perarricchire ogni tipo di spazio.

6. Arper - Raffinatezza delle forme

La collezione Dizzie amplia la propria gamma per includere i nuovi piani in marmo bianco italiano. Eleganti e sofisticati, sono disponibili nelle versioni tavolo da bar e tavolino da appoggio, entrambe in due altezze. Il fusto del tavolo è disponibile in acciaio cromato o verniciato bianco. Il piano, realizzato in MDF bianco o in laminato, è proposto in molteplici formati e dimensioni: ovale, grande o piccolo, rotondo o quadrato. Il tavolino in versione altezza 50 cm con base ovale, oltre al bianco, è disponibile in quattro vivaci colorazioni: grigio, moka, rosso, sabbia e nero.

7. Dinamo - La luce da tutte le direzioni

Disegnata da Alberto Mantegna, Dinamo è una lampada da tavolo che lascia filtrare la luce da tutte le direzioni, attraverso i dischi in ceramica. L'accensione a tatto permette di regolare l'intensità della luce.

8. De Castelli - Un cerchio perfetto

Definito da materiali come ferro, rame e ottone, nobilitato nelle finiture, Mida è un cerchio perfetto che nasconde un cabinet dove raccogliere, contenere, ordinare, nascondere. Fissato a parete alla maniera di un quadro astratto, si apre grazie a guide telescopiche che permettono di far scivolare l’unica anta frontale a destra o a sinistra, quasi come un corpo celeste che scorre silenzioso secondo la propria orbita in un’immaginaria eclisse.

9. De Castelli - Un simbolo di condivisione

Il tavolo Roma interpreta la forma tonda e capiente del braciere, di cui richiama con evidenza i volumi. Un simbolo di condivisione e di comunione, che rimanda alla ritualità del convivio e dello stare insieme. Il top dalle dimensioni generose e la lente inferiore si fondono in un unico pezzo, nel quale si innestano tre gambe. La personalità di questo tavolo scultura è data dalla finitura cangiante del piano, memoria di braci sempre accese, e dalla luminosità dei piedini in rame su cui poggiano le gambe, che ne alleggeriscono la percezione.

10. De Castelli - Tavolini come grandi vassoi 

Due tavolini, come grandi vassoi, enfatizzano le caratteristiche materiche e cromatiche del rame e dell’ottone. Una finitura realizzata manualmente, dove il materiale si manifesta nella sua purezza, sfumando in tonalità più scure grazie ad una controllata e graduale ossidazione. Una base, realizzata in ferro délabré, fa da supporto al piano-vassoio e crea un deciso contrasto cromatico. La collezione Sunrise&Sunset è proposta in due altezze, a rappresentare il sole che sorge grande nel cielo e che tramonta piccolo sull’orizzonte.

Prezzo Sunrise: da 1.755 euro, IVA non inclusa
Prezzo Sunset: da 1.235 euro, IVA non inclusa

11. Ever - Una collezione multifunzione

Dot è la collezione di complementi e accessori dallo spirito democratico e modulare, multifunzione e in grado di risolvere gli spazi più piccoli e le sale da bagno più spaziose, grazie all’attenta progettazione e all’industrializzazione degli elementi che la compongono: un sottile ma resistente cavetto d’acciaio scorre all’interno di solidi appigli cilindrici, fissati a muro. Dot viene venduto in un kit base che comprende 2 elementi cilindrici dal diametro di 3,8 cm e una lunghezza di 8 cm fissabili a muro attraverso fischer e 1 cavo in acciaio di 1,10 m di lunghezza e un diametro di 1,5 mm. Dot prevede inoltre: piani di appoggio, fermo portarotolo, ulteriore metraggio di cavo, cilindri aggiuntivi.

12. Olev - Design contemporaneo

Disegnata da Marc Sandler, Antartic è la lampada da tavolo caratterizzata da una base in alluminio fresato che ospita la sorgente a LED e sostiene un diffusore in vetro soffiato. Il diffusore è caratterizzato da una particolare forma sferica irregolare “a cipolla”, sabbiata sulla parte superiore, che crea un gioco di luce piacevole e non invasiva. Nella parte superiore del vetro, un perno consente di modificare la posizione della sfera, per orientare il fascio di luce e la sua intensità.

13. Tecno - Appendiabiti girevole ad altezza regolabile

Disegnato da Osvaldo Borsani nel 1961, AT16 è stato rieditato nel 2012. Lo stelo centrale dell’AT16 ha una struttura composta da: un tubo esterno in alluminio rivestito in pelle nera e da due tubi concentrici scorrevoli in alluminio anodizzato nero il cui bloccaggio viene assicurato da ghiere in alluminio brillantato. Attraverso il tubo centrale avviene il passaggio dei tubi scorrevoli porta sfere in acciaio inox spazzolato. Le sfere sono realizzate in legno massello di faggio, tinto in quattro diverse tonalità; il diametro è di 9 cm per le sfere grandi e di 3,5 cm per le sfere piccole, provviste d’inserto filettato. Il piede a terra è realizzato in alluminio brillantato. L’altezza è regolabile da 270 a 320 cm, per un ingombro orizzontale massimo 69 cm, l’istallazione in appoggio con disco antiscivolo a pavimento avviene tramite una piletta incassata a soffitto.

14. Tecno - Prodotto di industrial design

Il tavolo Nomos è il primo prodotto di industrial design progettato da Foster + Partners nel 1986. La sua struttura, concepita come un solido scheletro dall’estetica zoomorfica, è adattabile a molteplici tipologie d’uso, che indistintamente riguardano sia il mondo della casa sia quello del lavoro. Il tavolo Nomos si distingue per la struttura tubolare in metallo: come una spina centrale è il punto di partenza del sistema, alla quale sono aggiunte gambe, piedi, supporti, superfici di lavoro, sovrastrutture e schermi. Il piano nella versione in cristallo è poggiato su ventose mentre i top lignei sono avvitati ai supporti in alluminio. Nomos permette di scegliere tra due diverse altezze, 72 cm e 65 cm, semplicemente montando i supporti con o senza distanziale.

 

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome