La luce come protagonista della nostra vita

luce naturale
Mongolfier, Linea Light
La luce, naturale o artificiale, se utilizzata in modo consapevole, può sicuramente aiutare la nostra "generazione indoor"

Materiale per l'architettura, vista la sua grande capacità di disegnare forme e volumi, ma anche grande protagonista del benessere personale, per il suo ruolo determinante nella definizione dei ritmi biologici degli individui: stiamo parlando della luce.

“Il ruolo della luce naturale in architettura - osserva l'architetto Giulio Camiz, Training Specialist Velux Italia - va ben oltre il rispetto di parametri normativi, qualora la si sappia utilizzare in modo consapevole nella definizione della qualità dello spazio e nella promozione del comfort psicofisico degli occupanti.

Trascorriamo circa il 90% del nostro tempo indoor, rinunciando a luce naturale e aria aperta, senza farci quasi più caso, con conseguenze negative per salute e benessere”. Come fare per riportare un maggiore equilibrio? Occorre “ripensare la luce naturale”, rimettendo il rapporto con il sole e con l’esterno al centro dei progetti.

“In poche parole, più luce naturale riusciamo a portare all'interno - prosegue Camiz -, più ci avviciniamo alle condizioni esterne. Il modo in cui la luce cambia nell'arco della giornata ci allinea con i nostri ritmi circadiani e ci fa stare meglio. Serve una moltiplicazione delle aperture, insieme a una migliore distribuzione della luce”. Importante a questo proposito è il concetto di multidirezionalità.

“È opportuno - aggiunge - distribuire la luce nell'ambiente, privilegiando finestre con fronti opposti. Da sfruttare maggiormente poi è la luce zenitale, quella dall'alto che ha degli indubbi vantaggi: maggiore intensità, finestre centrali nel campo visivo, rischio quasi nullo di abbagliamento”. E a chi potrebbe obiettare con la paura di cantieri insostenibili, si può rispondere che “si impiega dalla mezza giornata se la copertura è in legno - dice Camiz - ai 3-4 giorni in caso di laterocemento.

L’intervento chiavi in mano costa dai 6-700 fino a 2.000 euro”. Da non sottovalutare infine che una corretta illuminazione naturale, oltre a diminuire i consumi energetici e i costi, influisce anche sui prezzi degli edifici e sulle scelte degli acquirenti. Anche la luce artificiale va maneggiata con cura: l'ideale sarebbe pensarci in fase progettuale, per integrare l'illuminazione con la costruzione o ristrutturazione degli ambienti.

“È importante - osserva Maurizio Rossi, direttore del Master in Lighting Design & Led Technology del Politecnico di Milano - valutare il rapporto dell'illuminazione tra le superfici orizzontali e verticali, magari utilizzando i nuovi sistemi di illuminazione integrati all'interno degli elementi d'arredo. Inoltre l'uso della luce può valorizzare in modo diverso gli ambienti”.

Si pensi alla differenza tra illuminazione diffusa e d'accento, diretta o indiretta, fino ad arrivare a quella dinamica.

1Alpilegno - Grandi aperture

La continua ricerca di soluzioni innovative per il benessere quotidiano ha portato Alpilegno alla realizzazione di una nuova collezione di Grandi Aperture di ultima generazione che unisce il design minimale alla tecnologia più avanzata per il risparmio energetico e per il rispetto dell’ambiente. Elevate performance termiche e acustiche, tecnologia antieffrazione all’avanguardia, e possibilità di scelta tra pregiate essenze, dall'abete al rovere, e finiture in legno e alluminio, dalle tinte laccate a quelle naturali, rendono questi serramenti indispensabili per chi vuole vivere in pieno contatto con la natura. La nuova collezione offre un’elevata possibilità di personalizzazioni: grazie ai profili minimali dell’anta fissa è possibile ottenere l’effetto “solo vetro” e creare un tutt’uno tra ambiente interno ed esterno.

2Finstral - Nuovi orizzonti 

Più luce per le opere di ristrutturazione, più trasparenza per le nuove costruzioni: continua il trend delle ampie superfici vetrate Fin-Vista che Finstral ha sviluppato in una soluzione modulare. Rispetto ai sistemi tradizionali, Fin-Vista offre più spazio alla personalizzazione e la possibilità di integrare svariate soluzioni di apertura. Anche il montaggio è semplice, rapido e sicuro, perché tutti i componenti vengono preassemblati negli stabilimenti Finstral. A seconda dello stile architettonico e delle esigenze abitative è possibile integrare gli elementi desiderati in ampie superfici vetrate. I singoli campi possono avere una larghezza o una lunghezza fino a 5 metri. A differenza delle tradizionali pareti vetrate in alluminio, Fin-Vista è realizzata con profili dal nucleo in PVC che garantisce valori di isolamento ottimali. Un altro aspetto importante è la possibilità di riciclare al 100% i componenti. Il lato esterno della parete vetrata è sempre rivestito con profili in alluminio, molto resistenti agli agenti atmosferici. Per questo materiale è disponibile una selezione di 230 colori. Per il lato interno si può scegliere tra alluminio, PVC e legno.

3Velux - Programmabile a distanza

Velux Integra è una finestra elettrica che rende la casa più confortevole e la vita molto più semplice. Ha un’anima in legno rivestita di poliuretano in unico stampo e senza giunture si adatta a qualsiasi ambiente, è facile da pulire, è durevole nel tempo e non necessita di manutenzione. Perfetta per gli ambienti moderni e per i tetti in laterocemento. Con il Control pad si possono controllare le finestre da qualsiasi punto della casa o programmarle in funzione delle proprie abitudini; 8 mm di vetro temprato esterno assicurano poi una protezione davvero efficace contro le intemperie (anche la grandine). Le finestre per tetti con anima in legno rivestita di poliuretano bianco non richiedono manutenzione. Perfette per gli ambienti più moderni, sono anche un’ottima soluzione in stanze più umide come bagni e cucine o nel caso di installazioni fuori portata.

4iGUZZINI - Soluzioni personalizzate 

Laser è una soluzione straordinaria per illuminare e arredare con discrezione ed eleganza. Disponibile in tre versioni, a incasso, sospensione e superficie, è ricchezza innovativa con l'obiettivo del benessere visivo nelle versioni Comfort e Super Comfort.
La molteplicità di accessori trasforma Laser in luce personalizzata. Anelli e cilindri decorativi creano un segno distintivo nel profilo senza alterare la qualità emissiva. Filtri colorati, invece, pigmentano la luce per cambiare veste all'atmosfera. Schermi e lenti ampliano, contengono, trasformano la distribuzione luminosa. Laser diventa uno strumento di Intelligence of Light, con l’interfaccia BLE-Dali 4 che permette, dallo smartphone, di attivare il controllo della luce e abilitare i servizi smart tramite beacon.

5Artemide - Come tu mi vuoi

Interweave di Artemide (design Pallavi Dean) è un sistema flessibile che integra luce e servizi lasciando ad ognuno la libertà di disegnare la propria qualità ambientale. Dei cilindri sospesi, fissati a soffitto o a parete guidano una linea di luce Led flessibile nello spazio permettendo di modellarla liberamente secondo morbide ed impreviste geometrie. I corpi cilindrici possono avere due dimensioni, possono avere la sola funzione di sostenere la linea di luce o diventare sede di luci spot, intelligenze e servizi come speaker e sensori. L’interazione è centrale nel progetto. Questa soluzione di luce è un kit di parti che possono essere assemblate e manipolate dagli individui a seconda delle loro esigenze. La luce diffusa che genera la strip led può essere combinata a emissioni più puntuali inserite all’interno dei cilindri per disegnare paesaggi di luce che seguono le necessità funzionali. Interweave genera un’esperienza non solo luminosa ma anche sonora grazie all’integrazione di speaker. L’interazione poi è esaltata dalla possibilità di controllare il singolo elemento del sistema con l’intuitiva Artemide App anche attraverso il controllo vocale Alexa.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome