Dividere una finestra per creare due camerette da un’unica stanza

Nella zona notte due camere diventano tre, con la creazione di una nuova apertura per la porta e con la divisione dell’unica finestra presente nella camera

La richiesta della nostra lettrice era quella di modificare la zona notte della sua casa, ricavando due camerette e una camera matrimoniale con bagno in camera. L'idea era dividere la camera matrimoniale esistente (la stanza di sinistra nella piantina "stato di fatto") per ricavare due camerette. Ma c'era il problema dell'unica finestra presente, che avrebbe dovuto essere divisa in due. I dubbi riguardavano proprio la possibilità di dividere la finestra mettendo un infisso esterno, in modo da non modificare l’estetica del palazzo, e due finestre singole interne.
Un secondo dubbio era che le due camerette risultassero troppo piccole, in particolare troppo lunghe e strette per essere vivibili.
Ecco come è stato risolto il problema progettuale. L'unica richiesta non soddisfatta è il bagno "privato": non è di pertinenza della camera matrimoniale, ma accessibile da tutte le stanze. Forse è meglio così.

Per richiedere un consiglio ai nostri architetti scrivete a: redazione.crc@newbusinessmedia.it

1La partizione del serramento

La partizione del serramento è possibile, con alcune limitazioni: a condizione di non modificare il vano murario e che l'immobile non sia vincolato, è possibile chiedere la modifica della partizione con una pratica SCIA, dopo aver ottenuto l'autorizzazione del condominio. Il nuovo serramento dovrà rispettare le nuove norme per il contenimento energetico. Il rapporto aero-illuminante dei due locali va comunque garantito, con un rapporto di 1/8 (salvo diverse indicazioni dell'amministrazione comunale). In questo caso specifico, le due camere hanno una superficie di pavimento di 9 mq (come richiesto dalle normative vigenti per le stanze singole) e richiede quindi una superficie illuminante uguale o maggiore di 1.125 mq. Il serramento ha ampiezza di 0.73 m. La sua altezza dovrà quindi essere almeno di 1.55 m. (0.73*1.55=1.315 > 1.125)

2Il muro divisorio

Per poter suddividere il serramento in modo simmetrico, il muro divisorio è stato "sfalsato". La scelta di farlo realizzando angoli retti, anziché inclinando la parete è data dalla maggiore sfruttabilità della parte, ad esempio per una libreria.

3L'ingresso

Il muretto di separazione dalla porta d'ingresso è stato avanzato per creare una nicchia di profondità 60 cm, utilizzabile per un armadio.

4Il bagno

Il bagno è accessibile da tutte le camere e risulta disimpegnato. La doccia è ricavata in nicchia. Il bagno cieco deve essere dotato di aerazione artificiale (con un coefficiente di ricambio minimo di 6 volumi/ora se in espulsione continua, 12 volumi/ora se in aspirazione forzata intermittente a comando automatico; in tal caso esso deve essere adeguatamente temporizzato per assicurare almeno 3 ricambi per ogni utilizzazione dell'ambiente).

5La camera matrimoniale

La camera da letto matrimoniale ha le misure necessarie secondo le normative (minimo 14 mq per le camere doppie).

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here