Cosentino, azienda pioniera della sostenibilità

Piramide Headquarter Cosentino Cantoria (Almeria)
Sostenibilità ed economia circolare: Cosentino si impegna per la tutela dell'ambiente, sviluppando sistemi all’avanguardia

Sostenibilità ed Economia Circolare: il Gruppo Cosentino, leader nella produzione e distribuzione di superfici innovative per il mondo dell’architettura e del design, è una delle realtà spagnole che più si distingue per la tutela dell'ambiente.

Nel solo 2018, l’investimento totale di Cosentino in Spagna è stato di circa 5 milioni in misure ambientali e di 8,1 milioni in controlli ambientali. Inoltre, negli Stati Uniti, l’investimento ambientale è stato di 2,8 milioni di dollari, ai quali se ne aggiungono altri 788.800 per la corretta gestione dei rifiuti. L’impegno di Cosentino in termini di sostenibilità rientra negli obiettivi fissati dall'Agenda 2030 delle Nazioni Unite, ai quali l’azienda aderisce in particolare per l'innovazione (Sustainable Development Goal 9) e la produzione sostenibile (Sustainable Development Goal 12).

Alcune importanti misure sono già state approvate, tra queste: la corretta gestione delle risorse idriche attraverso il riciclo continuo e l’obiettivo di "zero scarichi" (nel 2018, c'è stato un aumento del 53% nell'acqua riciclata); il riutilizzo dei materiali residui come base per la creazione di nuovi prodotti (lo scorso anno sono stati prodotti 1,5 milioni di m2 di materiale riciclato); la tutela del paesaggio attraverso una vasta cintura verde all'interno del Parco Industriale di Cantoria (Almería) e il consumo di energia elettrica da fonti rinnovabili certificate al 100%.

Tra i numerosi progetti pionieristici promossi dal Gruppo, di particolare rilievo è stata la costruzione e il lancio, lo scorso anno, di un impianto autonomo per la lavorazione di materiali residui all'interno del parco industriale dell'azienda a Cantoria. Questa struttura è dedicata al trattamento degli scarti di produzione - soprattutto i fanghi provenienti dal processo produttivo di Silestone e Dekton - e di eventuali pezzi rotti o difettosi. Per dare un'idea di quanto sia importante questa iniziativa, vale la pena ricordare che il Gruppo attualmente gestisce circa 280.000 tonnellate di materiale residuo (oltre 700 tonnellate al giorno) e ne riutilizza oltre il 30%. Nel 2018, questo dato è cresciuto dell'83% rispetto al 2017.

Nel corso dei prossimi anni, questi ambiziosi progetti continueranno a rappresentare alcuni degli investimenti più significativi per Cosentino. Inoltre, l'azienda è in fase avanzata di pianificazione per quella che sarà una delle più grandi centrali di energia rinnovabile della Spagna per l'autoconsumo. Il progetto dovrebbe essere implementato nel 2020, con l’obiettivo di generare 20 megawatt di energia solare per il Parco Industriale di Cantoria, pari a circa il 30% del suo consumo totale di energia.

Cosentino proseguirà anche nella promozione di un modello di economia circolare e sta seguendo tutte le procedure per ottenere il rilascio di una licenza che consente l'utilizzo dell'acqua da un impianto di trattamento di contea.

Un'altra iniziativa pionieristica è quella che punta a utilizzare l'acqua municipale residua proveniente dalle aree urbane vicine agli stabilimenti di Cantoria e dare a quest'acqua un utilizzo totalmente nuovo a fini industriali. La costruzione di questa nuova stazione per la rigenerazione delle acque residue, situata all'interno del Parco del Cosentino, dovrebbe iniziare nel 2020.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome