Cinque novità per Luceplan, fra eleganza ed essenzialità

Luceplan presenta cinque nuovi progetti per una luce, fra elementi per outdoor e soluzioni dedicate anche al comfort acustico

Sono cinque i nuovi progetti con cui Luceplan si presenta a quest'edizione di Euroluce in calendario durante il Salone del Mobile 2019 e sono tutti contraddistinti dalla ricerca di forme eleganti, raffinate, essenziali.

Per cominciare, il modello Amidaba, nato dalla collaborazione con Diego Sferrazza, è una lampada leggera ispirata al movimento spazialità degli anni '60 e, grazie all'innovazione tecnologica del processo produttivo, può essere adatta sia per interni che per esterni.

Il designer norvegese Daniel Rybakken ha firmato il progetto per Fienile, una soluzione da tavolo che si ispira dichiaratamente ai semplici edifici rurali della Norvegia, definiti da una struttura composta da un tesso basso e spiovente e prati centrali. Una vera e propria micro-architettura, il cui funzionamento è basato sull'accensione di sorgenti le dimmerabili attraverso la funzione touch.

Illan è la luce a sospensione progettata da Zsuzsanna Horvath e costituita da un corpo leggerissimo in multistrato in legno tagliato a laser secondo linee equidistanti e sospeso al soffitto. La lampada, disponibile in diverse dimensioni fino a raggiungere un metro di diametro, acquisisce volume per effetto della gravità.

Per il settore delle luci a parete, Luceplan propone Luthien, un progetto di Monica Armani composto dalla sovrapposizione sfalsata di due piani concentrici in tecnopolimero.

Ultimo, ma no per importanza, Trypta, il sistema di lampade a sospensione disegnate da Stephen Burks e pensato per migliorare il comfort acustico; il modello è infatti composto da un corpo cilindrico attorno al quale si articolano tre pannelli acustici rivestiti in tessuto.

Oltre a queste cinque novità, Luceplan ha anche ampliato le versioni di altri modelli per la luce già esistenti, fra cui Compendium Plate, E04 ed E06.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome