Buon anno di luce per Flos. Un 2019 ricco di novità

Noctambule di Konstantin Grcic per Flos
Le declinazioni della luce: Flos - parte del neonato gruppo Design Holding - presenta un nuovo spazio, alcune riedizioni e numerosi progetti firmati da star-designer

Sì, un 2019 ricchissimo di novità per Flos, che si presenta a questa edizione di Euroluce in diverse vesti e con numerosi progetti dedicati alla luce.

Per cominciare, ha annunciato la riapertura del flagship store dopo importanti lavori di ristrutturazione e ampliamento, firmati dallo studio Calvi Brambilla che ha lavorato su uno spazio progettato dai maestri Achille e Pier Giacomo Castiglioni e parte di un edificio - nella centrale Corso Manforte - costruito dall'altrettanto conosciuto architetto Luigi Caccia Dominioni. Per il nuovo sistema espositivo, lo studio Calvi Brambilla ha ideato un sistema di pannelli flessibili bifacciali da inserire all'interno degli espositori per creare quinte e diverse ambientazioni per le luci.

Un'altra novità riguarda la partecipazione congiunta al Salone con B&B Italia e Louis Poulsen come parte di Design Holding, nuovo gruppo di interior design di alta gamma e a capo di brand iconici del settore.

La Plus Belle, di Philippe Starck per Flos

Per quanto riguarda i prodotti, Flos si presenta a questa edizione del Salone del Mobile con la riedizione della lampada Chiara di Mario Bellini e con la prima edizione di un progetto firmato nel 1957 da Achille e Pier Giacomo Castiglioni: Bulbo. Tra le firme contemporanee di maggior rilievo e presenti nelle nuove serie targate Flos, anche Michael Anastassiades, Ronan e Erwan Bouroullec, Antonio Citterio, Formafantasma, Piero Lissoni, Nendo, Philippe Starck e Patricia Urquiola.

 

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome