Viessmann festeggia il centenario puntando allo smart heating

La multinazionale tedesca specializzata in sistemi di riscaldamento e condizionamento affronta l’era della digitalizzazione con un polo di ricerca e innovazione da 50 milioni di euro. Tutti i prodotti potranno essere gestiti e monitorati tramite smartphone

Il centenario di Viessmann coincide con una sfida chiamata digitalizzazione. La multinazionale tedesca intende infatti rendere digitali le proprie soluzioni per il riscaldamento e il condizionamento residenziale e industriale, non solo quelle nuove ma anche le esistenti, installate dal 2000 in poi. Perché una caldaia può diventare un dispositivo dell’Iot (Internet of things), capace di registrare dati e inviarli a un sistema che poi li “digerirà”, restituendo allo smartphone dell’utente un’interfaccia di gestione in grado di migliorare il suo comfort abitativo e aumentare il suo risparmio energetico.

Polo Tecnologico Viessmann_002Per l’azienda di Allendorf, nel cuore dell’Assia, si tratta di una rivoluzione che coincide con l’arrivo di un nuovo giovane manager deputato alla sua promozione, il Chief digital officer Maximilian Viessmann, rappresentante della quarta generazione della famiglia che fondò l’azienda nel 1917. Sono stati investiti 50 milioni di euro per costruire il “Technikum“, nuovo polo tecnologico di 11.000 metri quadri sorto proprio al centro della sede centrale e inaugurato da Angela Merkel lo scorso 12 aprile, dove saranno riunite le attività di sviluppo relative all'intero processo di generazione del prodotto, dall'ideazione alla produzione in serie.

«Dobbiamo arrivare allo smart heating, in cui un prodotto “parla” trasferendo i dati nel cloud e viene comandato da un sistema in grado di gestirlo e di prevenire i guasti. Ci sono i prodotti e le tecnologie di gestione e comunicazione. La sfida digitale è riuscire a mettere tutto insieme», ha commentato Enrico Zampieri, direttore generale di Viessmann Italia.

Ma la rivoluzione digitale, per essere cavalcata, va spiegata a chi la deve portare concretamente sul mercato. Viesmmann sa bene che per il tradizionale installatore non è facile calarsi in questo nuovo mondo e che le competenze necessarie per rispondere a un consumatore finale sempre più esigente e informato sono cambiate. Compito dell’Accademia Viessmann, con cui la società offre un programma completo di formazione a installatori, manutentori, progettisti, architetti, è anche istruire sulla nuova era digitale dello smart heating. Gli stessi partner Viessmann sono messi in grado di digitalizzare le proprie procedure aziendali, dalle prime informazioni per potenziali clienti alla fase di offerta e installazione, fino alla gestione dell’impianto funzionante.
Intanto, per fare cultura presso l’utente finale sulle tecnologie di riscaldamento, per aiutarlo a scegliere quella migliore, più economica o più ecocompatibile, Viessmann ha creato un blog accessibile dal suo sito dove fornisce risposte alle domande più frequenti spiegando il funzionamento delle tecnologie e chiarendo il significato di termini spesso non familiari. Il blog ha anche il compito di mettere in contatto i consumatori con i partner qualificati.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here