Tutti i requisiti per il Bonus mobili giovani coppie

Pubblicata sul sito dell’Agenzia delle entrate la circolare che fa maggiore chiarezza in merito alle giovani famiglie beneficiarie del pacchetto di misure fiscali dedicate alla casa.

Instapro 1

Se siete una giovane coppia coniugata o convivente more uxorio da almeno tre anni, uno dei due ha meno di 35 anni e avete acquistato l’anno scorso o avete intenzione di acquistare nel corso del 2016 un’unità immobiliare da adibire ad abitazione principale, potrete usufruire del “bonus arredi per le giovani coppie”, provvedimento inserito nella Legge di Stabilità 2016 che completa il pacchetto di misure fiscali dedicate alla casa, introducendo in particolare un beneficio fiscale del 50% sull’acquisto di arredi specifico per le giovani famiglie.

E’ stata infatti pubblicata dall’Agenzia delle Entrate la Circolare n. 7/E avente come oggetto “Interventi di ristrutturazione edilizia – Bonus mobili per giovani coppie”, grazie alla quale è stata fatta maggiore chiarezza in merito ai beneficiari dell’iniziativa. A differenza del Bonus Mobili, questo provvedimento è svincolato dalla necessità di lavori di ristrutturazione edilizia ma è legato all’acquisto dell’abitazione principale, e può contare su un tetto di spesa detraibile più elevato, 16.000 euro rispetto ai 10.000.

Instapro 3 x mail

Un altro importante tassello che si innesta nei già positivi dati registrati dal mercato con l’introduzione delle detrazioni fiscali per i lavori di ristrutturazione, come emerge anche da un sondaggio condotto da Instapro.it su un panel nazionale di oltre 1000 persone di età compresa tra i 30 e i 65 anni, nella quasi totalità possessori di un immobile. L’87% degli intervistati è a conoscenza della Legge di Stabilità e il 48% ha intenzione di usufruire delle detrazioni fiscali entro il 2016. Un trend in crescita, se paragonato al 33% del 2015, da cui emerge la fotografia positiva di un’Italia che ha sempre più voglia di investire nella propria casa. Tra i lavori in casa su cui si punterà maggiormente nel 2016, gli interventi legati all’efficientamento energetico occupano una posizione di rilievo, evidenziando un’attenzione sempre maggiore verso la sostenibilità e il benessere abitativo. Dal sondaggio, inoltre, emerge che: il 25% effettuerà lavori su infissi e serramenti, il 15% sul riscaldamento, il 12% sull’isolamento termico, l’11% sui pannelli solari e fotovoltaici. Il sondaggio svela, inoltre, quali sono le 5 regioni d’Italia più sensibili alle opportunità della nuova Legge di stabilità che hanno in programma interventi ristrutturazione edile. Al primo posto svetta la Lombardia, seguita da Campania, Lazio, Puglia e Piemonte.

LASCIA UN COMMENTO