Spazio per i sensi

Dal recupero di un sottotetto alla creazione di un ambiente dedicato al relax e ai sensi: camera da letto e stanza da bagno condividono spazi e funzioni, uniformati da luci strategiche e volumi avvolgenti.

Come in una spa, ma meglio di una spa, perché questo intero piano dedicato alla zona notte non ha nulla da invidiare ai centri benessere più attrezzati e ha, in più, tutte le comodità della propria casa. L’intervento ha riguardato entrambi i piani di una residenza nel Monferrato, in Piemonte, ma il punto forte di tutto il progetto è stato proprio l’attico.

6

Dal piano inferiore, destinato a zona giorno, si accede attraverso una scala a una sala relax, con una lunga armadiatura mimetizzata nella parete e un divano che campeggia nel centro della stanza. Da qui una porta scorrevole segna l’accesso a un open space che ospita la camera padronale e la zona benessere. Il taglio irregolare dei vani, la compenetrazione delle diverse funzioni e un gioco di luci a Led sono gli elementi principali che hanno articolato l’intervento, diventando spunto di prospettive e scorci fuori dall’ordinario.

8Sulla camera da letto si affacciano senza filtri un box doccia e una vasca da bagno incassata. Il box doccia è stato realizzato su disegno, a filo pavimento con un piatto formato da sassi arrotondati di Matera inseriti su un getto di resine drenanti, incollati con resina trasparente. Questa zona, all’occorrenza, si può trasformare in un bagno turco con un kit completo di vapore installato nella colonna della rubinetteria. Una grande vetrata fissa prende luce dal terrazzo, concepito come prolungamento verso l’esterno della zona benessere e può essere schermata da un tenda scorrevole a rullo nascosta nel controsoffitto esterno, con la doppia funzione di ombreggiante e oscurante. Un sistema di fibre ottiche inserite nel rivestimento in resina di pareti e pavimento crea un firmamento di piccoli punti luminosi. Il vano accanto al box doccia è occupato da una vasca, disegnata dallo stesso Alessandro Marchelli. E’ in resina con una finitura grigio cemento mischiata a pigmenti caricati elettrostaticamente che rilasciano una luce soffusa, colorando l’acqua. Anche qui l’illuminazione in RGB è in fibre ottiche, con la possibilità di modificare colori e intensità per un’efficiente cromoterapia. L’antibagno è parte integrante della camera, schermata solo da una quinta divisoria. Questo spazio è attrezzato con un top in resina e due lavandini ovali. Nella parete sono state scavate nicchie contenitori che fanno da cornice a un grande specchio retro illuminato a led blu. Per assicurare la giusta luminosità, sono stati realizzati a parete due pannelli in vetro satinato retroilluminati, mentre una porta scorrevole a specchio chiude i servizi del bagno, totalmente separati.

L'INTERVENTO
In questa casa su due livelli il progetto di ristrutturazione del tetto ha permesso di recuperare una zona sfruttata male, con ambienti angusti e poco vivibili. Come prima cosa è stato ridisegnato il terrazzo, già esistente ma molto più piccolo, poi sono stati realizzati i nuovi ambienti, tutti comunicanti tra loro. Camera da letto, bagno, vasca, box doccia, cabina armadio e un grande spazio studio/relax sono stati pensati come un unico luogo destinato al benessere. E proprio per dare questo senso di uniformità sono stati evitati gli ambienti di transizione e, in alcuni casi, anche le porte, svelando l’intimità di ambienti tradizionalmente celati.

PROGETTO
alessandromarchelli+designers
FOTOGRAFIE
Adriano Pecchio

Per conoscere tempistiche e costi dell'intervento, vedere progetto pubblicato sul numero CRC - Come Ristrutturare la Casa n.6/2016

LASCIA UN COMMENTO