Spazi attrezzati nascosti nel loft

Pareti attrezzate e armadi a muro caratterizzano quest’abitazione per quattro persone dagli ampi spazi aperti. Nascondono importanti luoghi funzionali come il bagno di servizio, il ripostiglio e la lavanderia

L'intervento

Lasciare gli spazi il più ampi possibile sfruttandone ogni potenzialità. La creazione di luoghi funzionali come bagno di servizio e ripostiglio, necessari alla vita quotidiana, integrati in una parete attrezzata dalle linee semplici ed eleganti. Armadi a muro completano il disegno di una grande zona giorno priva di muri divisori al piano terra e sfruttano gli spazi più bassi del tetto inclinato al piano superiore, dove è stata ricavata una lavanderia.

Loft per quattro persone

L'edificio oggetto d’intervento nasce come ufficio trasformato in residenza. Nel riprogettare gli interni si è quindi seguito il desiderio dei committenti di una casa che fosse il più possibile simile a un loft pur rispondendo alle esigenze di una famiglia di quattro persone.
La sfida è stata dunque di creare spazi di contenimento e funzionali necessari e di facile accesso, ma integrati nell’arredo in modo da lasciare al piano terra una grande zona giorno che attraversi l’edificio in tutta la sua profondità godendo della luce e della vista delle pareti perimetrali vetrate. Il bagno già esistente è stato così ridotto di dimensioni e inserito nella parete attrezzata che arreda la zona cucina, la porta diventa un’anta e le altre ante a fianco nascondono a loro volta lo sgabuzzino e un piccolo studio. Stessa linea e medesimi materiali sono stati utilizzati nel mobile di contenimento sul lato opposto creando un disegno unitario. Volumi bianchi come le pareti, discreti ed eleganti, che modellano lo spazio senza invaderlo.

Bagni su misura

Il piano superiore è dedicato alla zona notte e, anche qui, nel progettare le due camere, ognuna con il proprio bagno, si è cercato di sfruttare al massimo le potenzialità spaziali del tetto mansardato. Il bagno della camera matrimoniale, già esistente, è stato ampliato demolendo il muro che chiudeva la parte più bassa del sottotetto. Sfruttando questo spazio vi è stata inserita una piccola lavanderia dove la posizione degli elettrodomestici ottimizza le altezze ridotte garantendone un comodo utilizzo. Anche in questo caso è stato disegnato un sistema di ante che possa contenere e nascondere gli elementi di servizio quando non vengono usati. Adiacente alla camera dei bambini è stato realizzato il secondo bagno cieco, integrato nel disegno della cabina armadio. Entrambi gli spazi risultano infatti sopraelevati con un gradino di venti centimetri in modo da poter portare i nuovi scarichi alle colonne di discesa del bagno principale.

PROGETTO
Arch. Laura Pesaro
FOTOGRAFIE
Cristina Fiorentini
MOBILI SU MISURA
Linea Legno di Fabio Sala

Questo progetto è stato pubblicato sul numero 3/2017 di Come Ristrutturare la Casa. Per conoscerne i dettagli e i costi e vedere le planimetrie, acquista la rivista.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here