Spazi fluidi ad arte

Un appartamento apre il piano terra al piacevole via vai degli amici, mentre nella zona mansardata l’atmosfera diviene più intima e raccolta. Gli spazi si fondono in un ambiente continuo, pur mantenendo l’identità delle singole zone.

FNTN_FOTO 17
La scala, elemento di contatto e scambio tra i due differenti livelli dell’abitazione, è occasione di molteplici trasformazioni.

L'appartamento è quello di una coppia di collezionisti, abituati ad accogliere le frequenti visite di amici e conoscenti in uno spazio impreziosito dall’enorme quantità di opere d’arte e di design raccolte per passione nel corso degli anni. La risposta architettonica alle richieste della committenza è racchiusa nella successione fluida degli spazi, nei coni visuali che valorizzano i dettagli delle finiture e degli arredi. Lo sguardo d’insieme, infatti, restituisce la sensazione di un contenitore neutro, quale sfondo più appropriato per apprezzare i contenuti. Nell’ottica di ospitare la preziosa collezione dei proprietari, anche gli arredi sono stati progettati su misura e trattati come elementi neutri, essenziali. Il risultato è uno spazio complessivo di 230 metri quadrati, equamente distribuiti tra il piano inferiore, la parte “pubblica” della casa, e il piano superiore, mansardato, che accoglie la dimensione più privata e intima della vita domestica.

FNTN_FOTO 1
La vasca-scultura

La scala, elemento di contatto e scambio tra i due differenti livelli dell’abitazione, è occasione di molteplici trasformazioni. Al piano terra la sua struttura integra una teca espositiva in legno impiallacciato rovere e laccato bianco a poro aperto: le ante scorrevoli di vetro e l’illuminazione interna valorizzano le opere esposte. Il contenitore, dalle linee semplici, accoglie oggetti tridimensionali, mentre la parete portante della scala definisce la salita e si trasforma in un’intensa promenade artistique. Al piano superiore è il setto divisorio tra la camera padronale e il piccolo living privato a divenire protagonista dello spazio. La parete, progettata per sostenere il peso dei volumi, ospita una grande libreria realizzata su disegno. È costituita da una struttura in setti verticali a tutta altezza con mensole riposizionabili: i supporti a cremagliera, scorrendo sui binari, si prestano a variazioni nel tempo. I ripiani in legno disegnano la partitura orizzontale della parete e corrono senza soluzione di continuità sul fondo bianco del muro, scomparendo dietro un sottile pannello, anch’esso bianco, sovrapposto alla libreria. È il frontale del camino bifacciale, elemento caratterizzante della dimensione privata di riposo e di lettura: la sua struttura consente di apprezzare la bellezza e il calore del fuoco da entrambi gli ambienti, il living e la camera da letto, mantenendoli in dialogo costante. Il piano superiore è completato, poi, da tutti gli spazi volutamente non inseriti al piano terra. Nel bagno padronale è collocata una vasca-scultura completata da un piccolo hammam, progettato su misura. Le pareti dell’ambiente wellness sono rivestite a mosaico colorato, in netto contrasto con la dominante bianca della casa.

PROGETTISTI
Corde Architetti Associati
FOTOGRAFIE
Euro Rotelli

1 COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO