Sottotetto a tutta luce

Un luminoso sottotetto a doppia altezza si proietta all’esterno attraverso grandi pareti vetrate e terrazzi, e dà accesso a una serra solare in copertura

L'INTERVENTO
Volumi inediti trasformano una villa per realizzare un nuovo appartamento al piano sottotetto. Tetti curvilinei e a doppia falda, vetrate sporgenti in facciata, un terrazzo e una luminosa serra solare sul tetto, “incastrata” nella copertura; uno spazio relax per la lettura e la coltivazione di essenze vegetali, utilizzabile anche nei mesi invernali.

Chi lo ha detto che un sottotetto non può essere luminoso? Quando ci pensiamo, infatti, l’idea comune è che si tratti di spazi poco luminosi e con altezze ridotte. Il progetto, realizzato a Treviglio (Bg), stravolge questo concetto e crea un ambiente a doppia altezza circondato da vetrate e terrazzi. E la sorpresa continua nella serra solare, posta ancora più in alto. Un scala scenografica conduce a questo spazio relax che si incastra nella copertura, affacciandosi con la sua vetrata a portar luce al living sottostante.
La richiesta di avere un appartamento indipendente è stata soddisfatta sfruttando in parte la volumetria residua del lotto, in parte chiudendo un porticato esistente e in parte grazie alla legge sul recupero dei sottotetti. Un attento studio sulla statica dell’edificio ha permesso di ricavare una pianta completamente libera da vincoli, grazie all’utilizzo di pilastri di sostegno e di grandi travi di legno lamellare. Queste sorreggono a loro volta il tetto a falde in legno, particolare anch’esso. Manca infatti la trave di colmo, grazie a un moderno sistema costruttivo a spinta laterale. I pilastri in cemento armato sono stati rasati a gesso e rifiniti con vernici micacee che donano loro un aspetto metallico, esaltato dalla forma cilindrica.

Anche per l’accesso alla serra solare è stato scelto il metallo: una lamiera in acciaio zincato mandorlato, semplicemente piegata a formare i gradini, appoggia su due travi inclinate laterali in legno, rivestite anch’esse in acciaio. Il corrimano è essenziale, su un solo lato. La zona di accesso alla serra è visivamente caratterizzata dal diverso trattamento delle pareti perimetrali, realizzate in cartongesso e tinteggiate con un effetto ruggine.
I serramenti sono in alluminio verniciato bianco, ad alte prestazioni termiche, necessarie date le loro grandi dimensioni. L’isolamento termico è assicurato anche dal rivestimento esterno a cappotto, mentre il riscaldamento è a pannelli radianti sotto il pavimento in doghe di legno di noce.

PROGETTO
arch. Livio Dell'Oro
FOTOGRAFIE
arch. Giacomo Albo

Questo progetto è stato pubblicato sul numero 1/2017 di Come Ristrutturare la Casa. Per conoscerne i dettagli e i costi e vedere le planimetrie, abbonati alla rivista.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here