Si concentra su bagno, cucina e pranzo la voglia di ristrutturazione

Gli italiani hanno qualche timore sulla scelta del professionista e sul rispetto di preventivi e tempi. Il 17% degli intervistati da Habitissimo è disposto a spendere dai 3.000 ai 6.000 euro

Tra le tendenze emerse dall'Osservatorio Compass realizzato per il Salone del Mobile in merito al rapporto tra gli italiani e la casa, c'è il fatto che il 65% dei nostri connazionali è tendenzialmente soddisfatto della propria abitazione, ma che per il 37% sarebbe comunque di vitale importanza un intervento di ristrutturazione.

Per capire cosa significhi "ristrutturazione" sono utili alcuni recenti sondaggi di Habitissimo, secondo i quali per il 36% dei privati la priorità in tema di lavori in casa è l’aumento dell'efficienza energetica, seguito dal miglioramento della funzionalità (33%). Coerentemente con questa visione, risultano in ascesa i trend dell’integrazione delle tecnologie intelligenti (domotica) e dell’ecosostenibilità.

Al primo posto tra gli ambienti che gli italiani vorrebbero ristrutturare i trova il bagno, seguito dalla cucina e dalla sala da pranzo. E quanto sono disposti a spendere per migliorare la loro casa? La maggior parte ha qualche perplessità sui lavori e le spese da affrontare e prevede di investire meno di 1.000 euro, ma al secondo posto troviamo una fetta di intervistati (17%) la cui idea di spesa per lavori in casa va dai 3.000 ai 6.000 euro.

Alla domanda su quali sono le principali problematiche incontrate al momento di decidere di fare lavori in casa la maggior parte indica la difficoltà di trovare un professionista affidabile (21%) seguito dalla fatica di rispettare i preventivi fissati (19%) e dal mancato rispetto delle tempistiche (13%).

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here