Servono 18 anni di stipendio per ripagare il mutuo prima casa

Nel 2013 era necessario un anno in meno, ma nel frattempo l'importo medio richiesto alle banche è aumentato fino a oltre 133.000 euro. I dati di Facile.it

Il 2017 è stato un anno positivo per chi ha scelto di acquistare casa: i tassi di interesse per accendere un mutuo ai minimi, il prezzo degli immobili sostanzialmente stabile e l’aumento del reddito a disposizione delle famiglie hanno creato condizioni favorevoli per comprare.

Facile.it e Mutui.it hanno calcolato quanti anni di stipendio servono per restituire alla banca il capitale richiesto. Al netto degli interessi e considerando che oggi le famiglie italiane destinano alle rate del mutuo circa il 25% del reddito annuale, occorrono in media 17 anni e 10 mesi. Il risultato emerge dall’analisi di circa 40.000 richieste di mutuo prima casa raccolte dai due portali da gennaio 2013 a dicembre 2017 i cui valori sono stati incrociati con i dati Istat disponibili relativi ai redditi delle famiglie italiane.

Il mumero di anni necessari risulta in crescita rispetto al 2013, quando le famiglie che richiedevano un mutuo dovevano mettere in conto in media 16 anni e 10 mesi di stipendio, ma parallelamente aumenta anche la cifra richiesta agli istituti di credito. Nel 2013, infatti, l’importo medio era pari a 123.583 euro, mentre nel 2017 la richiesta media ha raggiunto 133.456 euro.

Negli ultimi quattro anni sono cambiati il valore medio della rata e il suo il rapporto con il reddito mensile delle famiglie richiedenti; nel 2013 la rata media richiesta era pari a 663 euro, con un impatto del 27% sullo stipendio mensile, mentre nel 2017, nonostante gli importi richiesti alle banche siano aumentati, la rata media è diminuita arrivando a 606 euro, con un impatto del 24% sul reddito mensile medio.

Analizzando in ottica territoriale le richieste di mutuo prima casa nel 2017, emergono importanti differenze tra le regioni italiane. Gli aspiranti mutuatari della Campania risultano essere quelli che dovranno mettere in conto più anni, e stipendi (21), per restituire il capitale richiesto al netto degli interessi. Seguono in classifica i richiedenti mutuo del Lazio (20 anni e 3 mesi) e della Sicilia (19 anni e 11 mesi). Di contro, le aree dove i valori si riducono notevolmente sono il Friuli Venezia Giulia, qui i richiedenti mutuo impiegano in media 13 anni e 10 mesi, l’Umbria (14 anni e 7 mesi) e l’Emilia Romagna (14 anni e 11 mesi).

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here