Ristrutturazione flessibile e adattabile

La ristrutturazione di un appartamento in un edificio anni ’60 nel pieno centro di milano offre l’occasione ai progettisti di sperimentare nuove soluzioni di flessibilità degli spazi.

Una famiglia numerosa, dinamica e in costante evoluzione; questa la committenza. Un appartamento dal taglio “vecchio”, con ampi ambienti mal sfruttati e suddiviso in rigide stanze collegate da un lungo corridoio; questa la situazione iniziale. La richiesta della famiglia era avere una casa flessibile e caratterizzata da spazialità adattabile nel tempo, pur mantenendo la propria identità, per andare incontro a un nucleo in continua evoluzione. L'ottimizzazione degli spazi, la flessibilità d'uso e la limitazione delle zone di disimpegno sono le peculiarità del progetto e hanno permesso di ottenere, in uno spazio limitato, un'ampia zona giorno, tre camere da letto, tre bagni e uno studio.

381-04

Il fulcro della casa è il grande soggiorno, uno spazio unico di circa 50 metri quadri dedicato alla  convivialità. In un ambiente continuo, una quinta dalla struttura in legno di rovere lasciata a vista si integra con un sistema di elementi scorrevoli dal gusto contemporaneo nei toni del grigio, separando la zona notte dalla zona giorno e, allo stesso tempo, caratterizzando l’area destinata a pranzo e cucina. La quinta diagonale spezza l'ortogonalità della casa e apre la vista verso l'esterno dando ampio respiro e luminosità alla zona giorno.

381-06
La cucina, realizzata su misura in nobilitato di legno e acciaio, sfrutta parte dello spessore della quinta diagonale per guadagnare spazio. Organizzata secondo misure minime, il tavolo per la colazione in nobilitato di legno è sorretto da una lama di acciaio che, rastremandosi, si incastra nella fuga delle piastrelle esagonali.

Progettato per dividere, il setto contiene al suo interno porzioni scorrevoli per mettere in comunicazione la zona giorno con lo studio e le aree dedicate alle camere da letto, librerie che affacciano, arredando, la zona giorno, armadi che organizzano gli spazi di servizio retrostanti. Un sistema di controsoffitti in cartongesso sottolinea la differenziazione delle diverse aree e contiene il passaggio degli impianti di climatizzazione. Le camere da letto dei genitori e dei figli sono collocate in punti contrapposti della casa, così da favorire la privacy mantenendo comunque la connessione diretta tramite un piccolo passaggio per i bambini. Grande attenzione è stata posta alla progettazione degli arredi fissi, realizzati artigianalmente su disegno, al fine di dare vita a un ambiente personalizzato.

L'INTERVENTO
Una quinta dalla struttura di legno a vista suddivide la zona giorno dalla zona notte. Il suo andamento diagonale spezza l'ortogonalità dell’appartamento e apre la vista verso l'esterno dando ampio respiro e luminosità alla zona giorno.

PROGETTISTI
PRINCIPIOATTIVO Architecture Group
FOTOGRAFIE
PRINCIPIOATTIVO Architecture Group

Per consultare tempi e costi di realizzazione, leggere CRC – Come Ristrutturare la Casa n. 4/2016

LASCIA UN COMMENTO