Piani di lavoro al top

Fenix NTM è un materiale nanotecnologico progettato da Arpa Industriale a base di resine caratterizzato da una superficie opaca e dall’effetto soft-touch.

Estetica ricercata, prestazioni evolute, texture raffinate, ma anche resistenza meccanica, igiene, sicurezza e capacità di ostacolare l’attacco di sostanze aggressive presenti in cucina. Le nuove superfici hi-tech, ma anche i materiali tradizionali, impiegate per la realizzazione di top e piani di lavoro sono la perfetta sintesi di espressività e tecnologia evoluta.

Uno dei componenti di maggior importanza nella scelta della cucina è senza dubbio il piano di lavoro. Il suo ruolo è determinante sia nella definizione estetica dell’ambiente sia nel determinare la perfetta funzionalità della "macchina per cucinare". Proprio per questo grande attenzione deve essere destinata all’analisi delle soluzioni che il mercato offre, anche perché l’incidenza economica è sostanziale. La ricerca sui nuovi materiali e sulle finiture non conosce sosta e lo sviluppo tecnologico definisce continuamente standard qualitativi alzando l’asticella dell’eccellenza. Nascono così nuovi materiali, innovativi e performanti, mentre le soluzioni tradizionali si evolvono rivelando un’anima tecnica talvolta trascurata. I top che trovano posto nelle cucine contemporanee vantano proprietà straordinarie e garantiscono performance sempre più elevate. La scelta è perciò molto complessa e viene sostanzialmente influenzata da due fattori: l’estetica da una parte, con la necessità del piano di integrarsi nel progetto complessivo della cucina, la funzionalità dall’altra, perchè un top è una superficie sulla quale si compiono infinite azioni e per ciascuna di esse deve saper offrire una risposta adeguata. La caratteristica principale che deve avere un piano di lavoro è la resistenza, che risulta fondamentale durante le  operazioni di preparazione dei cibi come lavare e tagliare gli alimenti, e appoggiare contenitori o pentole bollenti direttamente sulla superficie.

In questo senso i materiali di nuova generazione hanno il vantaggio di offrire elevate prestazioni come durevolezza e resistenza alle macchie e al calore, mentre i materiali più naturali assicurano un’estetica di grande appeal, ma scontano qualcosa in termini di performance. Così nel tempo i laminati, meno costosi e resistenti, hanno lasciato spazio a materiali tecnologicamente più avanzati e capaci di garantire eccellenti prestazioni, abbinate a caratteristiche di estrema piacevolezza al tatto. I materiali compositi, grazie a procedimenti tecnologici sofisticati, riescono a riprodurre i minerali naturali utilizzando polveri e graniglie di pietra, come il quarzo, legati insieme dalle resine. I solid surface, nelle loro inarrivabili formulazioni magiche, sono ormai diventati un classico perché dall’approdo sul mercato di qualche anno fa si sono diffusi nel mercato di fascia alta non solo in cucina ma in tutto l’interior contemporaneo. E cosi via, dalle nuove pietre artificiali ai materiali naturali come marmi o ceramiche, ma anche vetro, acciaio e legno. L’ultima frontiera che ha già espresso qualche risultato tangibile è l’impiego delle nanotecnologie, ovvero lavorazioni che incidono direttamente sulla composizione della materia a livello atomico e molecolare. Sono già in commercio prodotti che ampliano esponenzialmente le potenzialità delle superfici, giungendo ad ultraresistenze o addirittura all’autorigenerazione.

COMPOSITI
Sono i materiali che nel tempo hanno riscosso un grandissimo successo. RICOMPOSTI, RICOSTRUITI, ARTIFICIALI: QUESTE LE DESIGNAZIONI PIÙ UTILIZZATE PER IDENTIFICARE TUTTE QUELLE PIETRE CHE NON TRAGGONO ORIGINE DALLE CAVE, ma hanno comunque una composizione di partenza naturale. La pietra ricomposta nasce in laboratorio e attraverso un processo industriale capace di mixare frammenti lapidei, come quarzo, marmo o vetro insieme a pigmenti colorati, polveri ricompattate da leganti e resine, prende forma in infinite composizioni cromatiche e inedite texture. Elasticità, compattezza ed elevata resistenza agli urti e alle macchie sono le caratteristiche vincenti, mentre come accade per i materiali naturali, il piano può essere soggetto nel tempo a variazioni cromatiche dovute all’umidità e alla luce naturale. Minima la manutenzione richiesta.

cosentino 04
Dekton XGloss è la linea di superfici ultracompatte di Cosentino che, grazie a un trattamento nanotecnologico avanzato e un processo di lucidatura meccanica, conferisce alla superficie una lucentezza straordinaria, brillante e cristallina. Dekton XGloss è caratterizzato da proprietà idrofughe capaci di renderlo resistente alle macchie.
marmoarredo 01
Dopo un’attenta ricerca Marmo Arredo ha messo a punto una tecnologia innovativa, Invisible Line, che permette di creare piani di lavoro in quarzo continui e di grandi dimensioni senza fughe visibili, riducendo al minimo gli inconvenienti estetici e igienici causati dalle classiche giunture.

SOLID SURFACE
Estrema flessibilità e massima versatilità che permettono al materiale di essere modellato in tantissime forme diverse, massima resistenza antigraffio e durevolezza, straordinario effetto vellutato al tatto. Sono questi alcuni dei plus che hanno determinato il successo dei Solid Surface. Alle qualità elevate si combinano proprietà estremamente pratiche per l’uso quotidiano, come resistenza e facilità di manutenzione, oltre all’assenza di giunzioni e di porosità che garantiscono un’igienizzazione facile e pressoché perfetta. SONO COMPOSTE DA UNA MISCELA DI MINERALI COME LA BAUXITE, USATA COME MATERIA PRIMA PER LA PRODUZIONE DELL’ALLUMINIO, DA RESINE ACRILICHE O POLIESTERE E PIGMENTI, elaborati con procedimenti chimici e termici che inducono alla realizzazione di fogli o forme differenti ottenuti specialmente per colata in stampi espressamente predisposti. 

corian 02
Il Corian, prodotto da DuPont, è un materiale sintetico avanzato che mantiene sostanzialmente immutato il colore nel tempo. Buona resistenza alle normali sollecitazioni e al calore (se a diretto contatto, solo per pochi istanti), permette di ottenere superfici senza giunzioni. È di facile manutenzione e gradevole al tatto perché completamente liscio e privo di fessure, così da scongiurare eventuali infiltrazioni di sporco.
HI-MACS 05
La pietra acrilica HI-MACS, creata da LG Hausys, è un composto omogeneo di materiali acrilici, minerali naturali e pigmenti. Resistente al fuoco, agli urti, ai graffi e alle muffe, oltre che termoforabile, presenta una superficie completamente liscia che impedisce allo sporco e ai batteri di annidarsi, garantendo un’igiene senza eguali e massima resistenza alle macchie, oltre che una grande facilità nelle operazioni di pulizia

PIETRE SINTERIZZATE
La pietra sinterizzata unisce alle elevate proprietà fisico meccaniche e alla potenzialità del porcellanato tecnico la consistenza, la lavorabilità, l’eleganza e la naturalezza dei colori e delle finiture tipiche della pietra naturale. IL PROCESSO DI SINTERIZZAZIONE PREVEDE LA SALDATURA DELLE PARTICELLE SOLIDE DEL MATERIALE che viene sottoposto a temperature e pressioni estreme. UN TRATTAMENTO CHE CONFERISCE ALLE LASTRE ECCELLENTI PROPRIETÀ FISICHE E MECCANICHE IN TERMINI DI COMPATTAZIONE, RESISTENZA E DURATA. La pietra sinterizzata è inoltre antibatterica, facilmente pulibile, resistente al calore, ai graffi e ai raggi UV, caratteristiche che permettono di vivere la cucina in tutte le sue potenzialità, con la serenità di poter lavorare e cucinare su un piano resistente.

Neolith 10
Neolith by TheSize è una superficie compatta al 100% dalla porosità nulla; è igienica, facile da pulire, resistente alle macchie e agli agenti chimici, all’usura, ai graffi e al calore. I suoi colori, a base naturale, non variano quando esposti ai raggi UV.

CERAMICHE TECNICHE
Non sono certamente una novità in cucina, ma hanno conquistato l’attenzione di tutti solo in tempi recenti grazie all’innovazione tecnologica che ha permesso di dare vita a lastre di grosse dimensioni e dallo spessore contenuto ma in grado di garantire caratteristiche tecniche elevate. I TOP IN GRÈS PORCELLANATO O IN CERAMICA SONO CARATTERIZZATI DA UNA TEXTURE COMPATTA, SONO RESISTENTI ALL’ABRASIONE E ALL’USURA, AL FUOCO, ALL’ACQUA, ALLE ROTTURESono igienici e facili da pulire e particolarmente resistenti agli acidi più diffusi, allo sporco e alle macchie grazie alla smaltatura che impedisce al pigmento della macchia di entrare nei pori. 

StoneItaliana 01
Maximus è una grande lastra ceramica di Stone Italiana dallo spessore unico di 14,5 mm. L’alta qualità delle materie prime e la tecnologia produttiva di ultima generazione le conferiscono una massima resistenza all’assorbimento d’acqua e garantiscono l’assenza di porosità.

MARMI E PIETRE
L’unicità e l’assoluta irripetibilità sono nel loro dna, l’incredibile varietà di trame, forme e colori sono lo strumento per rendere unico ogni piano cucina. QUARZI, PORFIDI, MARMI E GRANITI SONO I PIÙ UTILIZZATI IN CUCINA, MOLTI DI QUESTI NON ASSORBONO LIQUIDI MA SONO SENSIBILI AGLI ACIDI ALIMENTARI, COME LIMONE E ACETO, E POSSONO ESSERE RIGATE FACILMENTE. Porosità e scarsa resistenza alle macchie, unite a un peso e a un costo elevato costituiscono i deterrenti che spesso prevalgono sulla straordinaria e indiscussa bellezza di questi materiali. Le aziende produttrici hanno sviluppato nel tempo prodotti protettivi specifici in grado di rafforzare le caratteristiche tecniche della superficie.

antolini
La Quarzite Michelangelo di Antolini è un materiale straordinario nel quale i toni del blu trafiggono la base rossastra con trame cariche di forza ed espressività, venature apparentemente casuali ma estremamente armoniche.

Per consultare l'intera rassegna prodotti, vedere CRC - Come Ristrutturare la Casa n.6

LASCIA UN COMMENTO