Da ex officina meccanica a moderna villetta unifamiliare

Una proprietà, tante vite. La storia affascinante di un’ex officina meccanica che ha fatto un salto di qualità trasformandosi in casa. Dove gli esterni diventano luogo intimo per il relax della famiglia.

19

Siamo in provincia di Lodi, più precisamente nella Bassa Lodigiana, zona della pianura lombarda dove le caratteristiche dei suoli e l'elevata disponibilità idrica favoriscono la diffusione di giardini privati. È in questo contesto che prende vita la trasformazione di un terreno di 680 mq precedentemente occupato da un’officina meccanica. Di fronte alle esigenze di una famiglia con bambini, rivedere i volumi e cambiare destinazione d’uso dell’esistente era l’unico modo per la nuova proprietà di realizzare un’abitazione completa. È così che l’architetto Elena Rossi trasforma un ex laboratorio di riparazioni auto in una moderna villetta unifamiliare nella quale privati e funzionali sono anche gli spazi esterni. Alla base della ristrutturazione c’è l’intenzione di contenere gli interventi allo stretto necessario, minimizzando il più possibile l’impatto ambientale e gli sprechi. Da qui l’idea di utilizzare come scatole le cubature che prima erano occupate dalla rimessa e dalla sua cabina di verniciatura. Con questa impostazione il progetto ha proceduto innalzando il volume esistente.

L’architettura del nuovo fabbricato spicca oggi per lo stile libero ed elegante di una casa a due piani che coabita con un giardino e una piscina creati ex novo. Prolungate verso l’esterno, ampie zone conviviali sono riparate sotto nuovi e grandi patii che introducono all’area pavimentata della piscina in muratura. La vasca lunga e stretta - destinata principalmente al nuoto - rivela anch’essa la volontà di costruire senza sprechi. La forma e le proporzioni rettangolari dello spazio che occupa si adattano infatti alle caratteristiche del lotto. Il progetto del verde, affidato a un esperto paesaggista, si sviluppa invece non solo nel senso di una gestione oculata delle risorse idriche, ma anche con l’intenzione di riparare dal calore estivo le attività conviviali dei proprietari. La piantumazione attorno alla casa e alla piscina comprende diverse essenze che garantiscono la giusta umidità al terreno: fiori e piante creano una vegetazione diversificata e di facile manutenzione vicino alla quale si articolano i percorsi di ingresso e uscita del giardino. Per le pavimentazioni viene utilizzato un unico materiale con finiture diverse che seguono le funzioni dello spazio.

L’INTERVENTO
In un riuscito incontro tra il minimalismo dell’involucro e il prosperare di piante e fiori progettati in collaborazione con un paesaggista, l’architetto ha creato un esclusivo e raffinato ambiente che circonda la nuova abitazione. Nello spazio di terreno prima occupato dalla cabina di verniciatura è stata realizzata una piscina in muratura che segue lo sviluppo lineare della casa inserendosi a fianco del lato esterno adibito a patio.

Soluzioni interessanti
Per gli esterni sono state scelte pavimentazioni e finiture che riflettono la luce. In questo modo, la lunga finestra scorrevole del soggiorno che è esposta a nord ovest, riceve luce indiretta e molto soft dal muro antistante che corre lungo il lato di confine a fianco della piscina.

PERCORSI CHE UNISCONO
Il giardino della casa è posto su due quote diverse perché è frutto dell’unione di due lotti distinti che presentano una differenza di 60 cm tra quello più alto (dove c’è l’abitazione) e quello basso. Per evitare di pareggiare i due livelli di terreno con “inutili” riempimenti si è optato per raccordarli tramite piazzole, gradinate, camminamenti e, naturalmente, il progetto del verde.

Per trattenere l’acqua. La superficie di terreno è coperta da pacciamatura di corteccia che, oltre a essere utile nel bloccare la crescita di erbe infestanti, aiuta il terreno a trattenere l’acqua e a non farla evaporare velocemente. Per la pavimentazione scoperta è stata utilizzata la quarzite con finitura a spacco. Lo stesso materiale riveste le zone a patio, ma con finitura spazzolata.

PROGETTISTA
Arch. Elena Rossi con la collaborazione, per il progetto del verde, del paesaggista Luigi Raja
IMPRESA EDILE
Elidere costruzioni; pavimentazione Bravi Marmi
FOTOGRAFIE
Cristina Fiorentini

Per visualizzare l'articolo completo con le piante e i costi

 

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here