Nuovi spazi esterni per il pranzo e il relax

Al piano terra di una residenza plurifamiliare, una corte esclusiva di pertinenza è stata ristrutturata e trasformata in una serie di spazi esterni per il pranzo e il relax.

01 (51)
Il piano lavoro, i fianchi e i frontali sono rivestiti con lastre di pietra lavica. Le ante sono in teak.

La zona pranzo esterna è direttamente collegata a quella interna attraverso una vetrata doppia in alluminio a taglio termico, con doppiovetro stratificato e con rivestimento basso emissivo a elevate prestazioni di isolamento termo-acustico, come tutti i serramenti esterni dell'abitazione. La cucina esterna, poggiata sul muro perimetrale, combina la matericità del piano lavoro, dei fianchi e del fronte rivestiti in pietra lavica, con la modernità del piano cottura e della vasca del lavello in acciaio inox. Il barbecue da incasso è realizzato artigianalmente. Per le ante, su misura, è stato utilizzato il teak della  pavimentazione delle camere da letto. Superata un'area relax con arredi d'importazione, il percorso prosegue sinuoso e riparato da una parete in tavole di teak. La pavimentazione diventa anch'essa irregolare con un disegno ad opus incertum, ottenuto dalla rottura delle piastrelle in gres. Per la creazione del giardino nell'angolo sono state messe a dimora le piante in vaso esistenti. Il percorso sinuoso termina sul retro in un piccolo terrazzino in legno teak rialzato, zona lettura e relax esterno alla camera padronale. Sul muro perimetrale è stato realizzato il nuovo impianto di illuminazione e il muro stesso è stato  impreziosito nella zona cucina con un rivestimento in tavole di teak.

PRIMA DOPO
Lo spazio esterno prima e dopo l'intervento di recupero. L'area pranzo e relax esterne sono adiacenti alla cucina interna. La pavimentazione in piastrelle di gres fine porcellanato hanno in questa zona una posa ortogonale alle pareti.
PRIMA DOPO 2
Prima e dopo l'intervento. L'esterno della camera padronale è diventato una zona per il relax e la lettura, realizzando un “terrazzo” rialzato in legno teak.

IL PROGETTO
Il progetto di ristrutturazione ha svelato le potenzialità nascoste di un cortile rimasto in condizioni di totale abbandono. Il muro di confine è stato completato a nord ovest per rendere più privato lo spazio e ricavare un giardino protetto dagli sguardi esterni. Per abbattere problemi di risalita di umidità, l'intero patio è stato innalzato di 45 cm, con la formazione di un vespaio aerato. L'area (90 metri quadrati totali) è suddivisa in più zone funzionali. L'ingresso, attraverso un cancelletto in ferro verniciato di bianco, conduce la zona pranzo, pavimentata in piastrelle quadrate di gres fine porcellanato, bocciardato antiscivolo, con posa ortogonale alle pareti.

PROGETTISTA
Arch. Ignazio Buscio
FOTOGRAFIE
Giancarlo Lunetto

LASCIA UN COMMENTO