Da monolocale a miniloft total living

Scomparse le divisioni murarie, un piccolo appartamento prende vita. Trasformandosi in un miniloft total living nel quale la luce filtra e tutto è illuminato

D407_05

Rigorosa, elegante, essenziale in una parola moderna, la nuova immagine di questo miniloft, in zona Navigli a Milano, è il risultato di un progetto pensato in piccolo, da vivere in grande. C’è posto per ogni desiderio in questi 60 mq con soppalco, per rispondere a tutte le esigenze della vita quotidiana; con scelte progettuali che fanno risparmiare consumi e spazio creando nuove zone funzionali organizzate con un arredo su misura che separa e, in alcuni casi, dispone di soluzioni intelligenti che sfruttano la capienza e facilitano l’ordine. La ristrutturazione parte da una situazione precedente che mancava di zona giorno e dove le divisioni esistenti impedivano di vivere appieno l’immobile che si trova in un complesso ex industriale. Eliminate tutte le barriere murarie, ricostruiti soppalco e scala con strutture più leggere e resi attivi i lucernari, la casa si scopre più funzionale e illuminata. In particolare, è il piano soppalcato che si trasforma diventando open space dalla vivibilità inaspettata, dove trova posto una zona giorno confinante con il letto lunga e con soffitto a volta. I percorsi si sviluppano lungo le pareti laterali lasciando ininterrotto il susseguirsi, nella parte centrale, degli ambienti e degli arredi che si alternano per accogliere in pochi metri una zona conversazione e due angoli relax e studio. In uno spazio altrettanto libero e finalmente raggiunto dalla luce naturale, cucina e lavanderia si trovano invece al piano terra.

Arredo pensile. Nell’angolo con soppalco in vetro, sopra la scrivania spicca la libreria modulare realizzata con piani e contenitori pensili. Un mini-mobile dai mille usi, disegnato però con la ricchezza di dettaglio e di variazioni che rendono dinamica la parete e mimetizzano lo split dell’aria condizionata.

Lucernari protagonisti. L’intervento ha reso nuovamente visibile la copertura a volta scandita dalla presenza di numerose aperture luminose. Un imponente lucernario centrale, precedentemente oscurato, è stato ripristinato per far entrare la luce naturale insieme a nuovi velux motorizzati con fotovoltaico nelle restanti parti del soffitto.

Non solo soggiorno. L’open space con zona conversazione e angolo relax è uno spazio da vivere da soli o in compagnia. Total living, insomma. Sviluppato per le esigenze di chi guarda alla funzionalità ma anche con l’obiettivo di rivalutare il tempo e lo spazio dedicati all’abitare.

Colori a contrasto. Sul soppalco il colore dominante alle pareti è il bianco, potenziato nel suo effetto riflettente dal grigio chiaro del parquet e dalla trasparenza del vetro a pavimento. Nero e amaranto di arredo e complementi sono tonalità scelte invece per contrastare l’eccessivo candore e dare maggior risalto ai dettagli di design individuando meglio le diverse aree funzionali.

Furbamente nascosta. La lavanderia al piano terra viene posizionata all’interno di una soluzione d’arredo su misura: un mobile con due porte a soffietto che coprono una zona di servizio completa, nello spazio totalmente libero a fianco della scala di accesso al soppalco.

Soppalco funzionale. La luce naturale arriva anche sulla cucina grazie alla struttura del soppalco che, con una parte totalmente in vetro calpestabile, filtra al piano inferiore la luminosità proveniente dai lucernari; e nella parte chiusa con cartongesso integra faretti per una corretta illuminazione del tavolo da pranzo posizionato al centro dell’ambiente.

PROGETTISTA
arch. Francesca Mazziotti
IMPRESA EDILE
Nesci Costruzioni Srl di Salvatore Nesci
FOTOGRAFIE
Cristina Fiorentini

Per visualizzare l'articolo completo con piante e costi

LASCIA UN COMMENTO