La losanga provenzale per gli arredi interni

Gli elementi della collezione Arabesque, anche detta losanga provenzale, possono essere utilizzati contemporaneamente grazie alla loro infinita modularità, creando ambienti pieni di fascino e personalità.

La linea Arabesque Satin fa parte dei prodotti di punta di Tonalite. Negli anni l’azienda è rimasta fedele al “piccolo formato”: lucidi o matt, i pezzi delle collezioni mantengono sempre dimensioni ridotte, per sfruttare al massimo la superficie disponibile. Tonalite ha ben chiare le caratteristiche fondamentali che i suoi prodotti devono presentare e tra queste troviamo il desiderio di proporre una forma altamente caratterizzante che può permettersi di giocare sui cromatismi per realizzare opere sempre al massimo della personalizzazione capaci di raggiungere nuovi orizzonti nella decorazione di interni. È questo il caso di Arabesque, anche detta losanga provenzale, un modello appartenente alla tradizione.

part arabesque satin

Tonalite la ripresenta in forma più che attuale, utilizzando smalti matt con una palette colori senza eccessi: una serie di toni polverosi e neutri illuminati dalla presenza delle varianti Silver, Gold e l’immancabile rosso Selenio o rosso Tonalite. Le soluzioni di posa sono infinite: oltre ai pattern ottenuti dall’alternanza dei vari colori, si possono creare motivi ripetibili, per ottenere effetti sempre più complessi. Arabesque Satin fa parte del Sistema T, ovvero una soluzione progettuale completa composta da 7 diverse collezioni per composizioni anche trasversali: gli elementi di ciascuna collezione infatti possono essere utilizzati contemporaneamente, grazie alla loro infinita modularità. Arabesque Satin è disponibile in 9 colori: Silver, Gold, Talco, Seta, Pomice, Cemento, Lavagna, Tufo, Lino e in pezzi speciali, come bordo, torello, profi lo e angolari. La tecnologia di produzione si rifà alle tecniche artigianali del saper fare italiano: smalto colato a campana, con particolare cura e attenzione in tutte le fasi del processo produttivo.

LASCIA UN COMMENTO