La trasformazione dei trulli tra storia e modernità

Una ristrutturazione che rispetta il paesaggio e la storia della campagna pugliese, con i suoi ulivi secolari. Gli esterni abbracciano gli interni in una commistione tra arcaicità e modernità

In Puglia, nella campagna ostunese, un paradiso rurale fatto di ulivi e natura fa da sfondo ad un gruppo di trulli riportati allo splendore di un tempo, con un intervento di ristrutturazione in cui gli interni fluiscono senza soluzione di continuità negli esterni e viceversa. Fulcro del progetto, infatti, è un una grande struttura di vetro che plolunga la zona giono, inglobando anche un ulivo secolare.
Nel progetto dell'arch. Enrico Maria Cicchetti (Studio Emc Architect) in collaborazione con Ing.Francesco Palmisano, l’amore per il territorio ha un ruolo da protagonista: è quello che ha portato la famiglia romana proprietaria a scegliere la campagna ostunese per abitarvi ed è quello che ha portato all’immersione totale nella natura circostante, all’inserimento di 13 ulivi secolari, all’uso quasi esclusivo di materiali tipici del luogo ed all’impiego di maestranze locali (fotografie Massimo Grassi).

@Massimo Grassi-Interno glass cubeAd ispirare il progetto di recupero e ampliamento sono i principi del Bauhaus, un’interpretazione del design come unione di arte, artigianato e tecnologia, dove la progettazione e la realizzazione sono un concetto unico. La parte “coraggiosa” dell’intervento  ha visto la creazione di un inedito volume (Glass-Room) completamente trasparente che ha permesso di recuperare uno spazio anticamente adibito a deposito di attrezzi agricoli, convertendolo in nuovo ambiente estensivo della zona giorno. Il glass cube avvolge un immenso ulivo secolare. È stata posta molta attenzione ad evitare un impatto negativo sulla struttura esistente dei trulli: non sono state modificate le armonie tra vuoto e pieno, tra materia e aria. La struttura, che si collega con i vari ambienti attraverso muri in pietra naturale, è composta da una serie di setti in cemento armato ruotati uno rispetto all’altro e chiusa da pareti verticali e orizzontali in cristallo. La superficie è un pavimento Nuvolato Ideal Work che si inserisce con discrezione nell’architettura.

L’aspetto dei trulli è assolutamente rispettoso della tradizione: i muri esterni sono intonacati a latte di calce, materiale naturale, tipico della zona, esclusi i particolari architettonici, trattati rigorosamente a faccia vista. Il barbecue, insieme al forno, è il risultato della lavorazione artigianale di monoliti in pietra provenienti dalla cava di Montalbano, selezionati dai progetti. Materiali Ideal Work sono stati utilizzati anche per i gradoni della piscina, realizzati in Pavimento Stampato effetto roccia.

Trulli_CucinaAll’interno si respira un'atmosfera arcaica e rupestre: tutte le superfici verticali sono a faccia vista, valorizzando sia la lavorazione che la patina che esprime la pietra del posto. Questo lavoro è stato possibile tramite un’accurata asportazione dell’intonaco preesistente (latte di calce), un’attenta lavorazione delle fughe ed il riempimento degli interstizi con coccio pesto. In contrasto materico con il cemento che caratterizza invece tutte le superfici orizzontali, pavimenti e piani. Anche all'interno il Pavimento è Nuvolato Ideal Work, un pavimento tecnologico in calcestruzzo, caratterizzato da sfumature “effetto cemento”. L’arredamento si connota per la scelta anticonvenzionale di utilizzare manufatti eseguiti da artigiani locali, laddove si tratta perlopiù di oggetti naturali e organici fatti con i materiali del luogo.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here