La domotica trasforma la casa al servizio della disabilità

In Toscana un’abitazione è stata progettata per consentirne il pieno controllo via smartphone da parte di una ragazza affetta da disabilità. Alla base le soluzioni Vimar By-me

La domotica può cambiare la nostra vita, introducendo nelle nostre abitazioni funzionalità che fino a poco tempo fa sembravano impossibili. Come quella che consente a una giovane ragazza di Pistoia affetta da disabilità di avere il pieno controllo della propria casa.
Grazie agli sforzi dei genitori, aiutati dal contributo della Regione Toscana, è stato infatti possibile realizzare un’abitazione studiata appositamente per agevolare le persone disabili e renderle più indipendenti.

Alla base c'è la tencologia Vimar By-me, un sistema di domotica scelto per la sua versatilità e facilità di utilizzo che permette alla ragazza di controllare tutta la casa dal proprio smartphone con semplicità compiendo azioni che prima le erano precluse, come quella di accendere la luce da un normale interruttore. Sempre tramite smartphone alla ragazza è possibile accendere o spegnere la piastra a induzione della cucina, aprire e chiudere porte, balconi e oscuranti, regolare l’intensità luminosa delle lampade e il grado di temperatura dei diversi ambienti, richiamare l’ascensore che le serve per spostarsi da un piano all’altro dell’abitazione ma anche attivare o disattivare degli scenari, vale a dire delle particolari combinazioni di funzionamento dei dispositivi controllati dal sistema domotico.

O, ancora, comandare i meccanismi degli armadi dove ripone gli abiti. Questi sono stati realizzati appositamente per permetterle di accedere anche ai ripiani superiori: basta inviare il comando e un braccio elettrico si abbassa per consentirle di scegliere tra tutti i vestiti che sono riposti. Allo stesso modo, una volta ritirato il capo, un analogo comando fa rientrare il meccanismo.
Tramite l’app By-door è anche possibile rispondere alle chiamate videocitofoniche: il collegamento con una targa esterna Elvox permette infatti di vedere chi suona alla porta, di rispondere alla chiamata e, eventualmente, di aprire. Grazie all’app Secu Viewer è possibile invece visualizzare tutte le immagini delle telecamere Elvox, sia da interno che da esterno, in modo da avere un controllo costante dei diversi ambienti.

Tutte le funzioni di domotica sono controllabili anche dai diversi dispositivi Vimar dislocati all’interno dell’abitazione. Il Multimedia video touch screen posizionato nella zona living, ad esempio, funge da pannello di controllo e permette di controllare la casa da un unico punto. In ogni ambiente sono poi stati installati i comandi domotici Vimar, nella versione Eikon Next incorniciati da placche Eikon Evo con finitura in ardesia a spacco. Anche da qui è possibile attivare o disattivare illuminazione e clima, aprire porte, finestre e alzare o abbassare tende e tapparelle.

Nella foto-gallery sono visibili i prodotti utilizzati all'interno e all'esterno dell'abitaizone. Serie civile: Eikon Evo; Sistema domotico: By-me; Posto interno videocitofonico: Tab Free; Targa esterna videocitofonica: serie 1200; Telecamere: esterne PTZ, interne Mini dome; Installazione impianto: Elettroimpianti R. A., Quarrata (PT); Programmazione impianto: Ansalux Sistemi Srl, Firenze; Progettazione impianto: Perito Ind. F. Susini, Profilo Progetti Snc; Ing. E. Orofino; Arredi: Romano Branchetti Arredamento & Design, Quarrata
CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO