Il vademecum per la manutenzione degli impianti in primavera

Secondo un’indagine di HomeServe, una costante e attenta manutenzione della propria casa, può generare fino al 20% di risparmio sia sui costi di energia che di intervento da parte di tecnici specializzati.

Schermata 2016-04-04 alle 13.11.44

Con il sole e le temperature più miti è arrivato il momento per decidersi a fare quei piccoli interventi che sono stati rimandati per tutto l’inverno, alcuni dei quali davvero semplici, ma indispensabili per mantenere efficienti gli impianti domestici di gas, luce e acqua salvaguardando nel tempo costi e consumo d’energia. E allora ecco un vademecum utile da seguire per evitare guasti futuri e soprattutto sprechi di denaro, fornito da HomeServe Italia, la multinazionale che si occupa di servizi di assistenza domestica grazie a una una rete di professionisti presenti in tutta la penisola.

  1. CALDAIA – La revisione della caldaia è obbligatoria e tutti si affrettano a farla con i primi freddi dell’autunno, quando i tecnici specializzati della propria marca sono tutti impegnati. Farlo in primavera, dopo l’uso intensivo a cui l’abbiamo sottoposta durante tutto l’inverno, è una buona abitudine. Un altro suggerimento è di abbassare la temperatura massima dell’acqua sanitaria (quella che esce dalla doccia e dai rubinetti) a un livello adeguato al clima più mite (nei mesi più caldi a 40°); anche un solo grado in meno può consentire risparmi in bolletta fino al 5%. Non dimenticare neppure di commutare la caldaia in modalità ‘estate’, come indicato anche da ogni manuale utente. Infine, laddove vi sia installato un cronotermostato o un termostato elettronico, è buona norma ricordarsi di togliere le batterie, per evitare un inutile consumo.
  1. IMPIANTO IDRAULICO - Ruggine e gelo sono i nemici principali, soprattutto per le case che sono state chiuse per qualche tempo, come le seconde abitazioni al mare e in montagna. Verificate lo stato delle tubature e intervenite subito, prima dell’autunno, se ci sono anomalie.
  1. ARIA CONDIZIONATA - Prima che arrivi il caldo e si scopra che il condizionatore ha qualche problema, magari in un’infernale notte afosa, meglio controllarlo ora e, nel caso, chiamate per tempo il tecnico di fiducia. Ricordatevi, inoltre, di verificare i filtri pulendoli o cambiandoli, per un corretto filtraggio dell’aria.
  1. IMPIANTO ELETTRICO – Anche se è un’attività da fare con regolarità, approfittate per controllare i cavi di alimentazione dei vostri elettrodomestici (ferro da stiro, aspirapolvere, etc.) che, costantemente sollecitati dall’uso, possono presentare fili scoperti in prossimità delle prese o danneggiamenti degli stessi. Evitate altresì l’uso di prese multiple e, se non ne potete farne a meno, utilizzate le così dette ‘ciabatte’ omologate, ma avendo l’accortezza di non collegare a esse elettrodomestici ad alto assorbimento di energia per evitare un surriscaldamento con il rischio di provocare pericolosi corto circuiti. Sempre in tema di impianto elettrico, sarebbe buona norma installare degli interruttori nel quadro elettrico principale che isolino la corrente in specifiche zone dalla casa, così che sia più agevole intervenire sull'impianto senza dover staccare la corrente in tutta l’abitazione.
  1. INFISSI, BALCONI, CANCELLI – La primavera si presta anche per un controllo degli eventuali danni che l’inverno e le basse temperature possono aver causato all’esterno della vostra casa. Date perciò un occhio alle tegole del tetto o alle piastrelle delle terrazze e dei balconi, così come alle inferriate che andrebbero sostituite se sono in cattivo stato. Stessa cosa per porte e cancelli: nei casi peggiori la neve o il ghiaccio possono aver rovinato possono aver rovinato la rotaia e il canale di scorrimento dei cancelli.

1 COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO