Il riscaldamento giusto per il mare d’inverno

Per chi desidera passare una vacanza nella casa al mare durante la stagione fredda, ci vuole un riscaldamento reattivo e rapido, con un occhio al risparmio energetico. Ecco i consigli di Antrax

Il mare d'inverno ha un fascino tutto particolare, ma spesso trascorrere qualche giorno dutante la stagione fredda nella casa di vacanza significa patire il freddo. Molte abitazioni, infatti, non sono dotate di riscaldamento, mentre altre presentano un impianto non adeguato. Ma quale tipo di sistema è opportuno scegliere per la casa al mare? Ecco qualche consiglio che arriva da Antrax, società sche realizza radiatori e caminetti di design.

In generale, bisogna considerare che un’abitazione abitata saltuariamente necessita di un sistema di riscaldamento immediatamente reattivo, in grado di portare l’ambiente alla temperatura desiderata in tempi rapidi.
Il riscaldamento a pavimento non è quindi consigliabile per due motivi:

  • Normalmente un'abitazione di villeggiatura ha una dimensione più contenuta rispetto alla normale abitazione, questo significa che la reale superficie di scambio (cioè metri quadrati di pavimento libero) è nettamente inferiore rispetto alle reali necessità perché coperta da mobilio vario.
  • Il riscaldamento a pavimento ha un problema strutturale di volano termico, cioè entra a regime in tempi molto lunghi (anche a 12/24 ore). Ciò comporta che, per avere l’abitazione riscaldata e termicamente confortevole, è necessario anticipare l’accensione del riscaldamento, sprecando così energia e aumentando i costi.

Qualora si desideri riscaldare un appartamento al mare, per esempio durante un fine settimana, i sistemi consigliati sono due:

  • Installare un condizionatore munito di pompa di calore che al bisogno possa generare aria calda. Questo è il sistema ideale quando si desideri riscaldare solo occasionalmente l’ambiente e con un basso costo di struttura, in quanto non necessita della realizzazione di uno specifico impianto di riscaldamento. Tuttavia vi sono alcune controindicazioni. Il riscaldamento generato con questo sistema non è di qualità: essendo un sistema ad aria, genera uno spostamento di polvere, stratifica l’aria e l’effetto del calore svanisce non appena si spegne il condizionatore.
  • Il riscaldamento che si genera tramite il radiatore assolve perfettamente la sua funzione di riscaldamento garantendo benessere e confort, ma soprattutto permette un risparmio energetico, specie se si fa uso di pompe di calore o caldaie a condensazione con un sistema a temperatura modulante in base alla temperatura esterna.
CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here