Il riciclo creativo del container per la casa sul fiume

Una soluzione incredibile ma vera, escogitata da un progettista e designer inglese: un container riconvertito in abitazione, ormeggiato su un fiume a Bedford Marina

La nuova puntata della rubrica "paese che vai casa che trovi", realizzata in collaborazione con Houzz, la piattaforma online internazionale dedicata alla ristrutturazione e al design di interni e esterni, ci porta questa volta in Inghliterra. Andiamo alla rcoperta di una soluzione decisamente originale che fa perno su un concetto di riciclo e riuso che prevede una vera e propria seconda vita per gli oggetti, lontanissima dalla destinazione d'uso per cui essi erano nati. Qui un container è diventato un'abitazione dicca di fascino.

Vivere in un container progettato su misura era il sogno di Max da quando aveva 25 anni: lo aveva già sperimentato nel suo giardino di Bedford, Uk. Ma riuscire a creare una casa riutilizzando un cassone per trasporti, posizionandolo addirittura sul fiume, è stata una vera e propria scommessa all’insegna della sostenibilità e della capacità creativa di trasformare materiali e situazioni.

➊ Il primo elemento cruciale del progetto è consistito nell’aprire il container da un lato: nella casa non ci sono né porte a battente né tende. Invece, lungo la “facciata” del container ci sono grandi vetrate impacchettabili che permettono alla luce di inondare l’ambiente. Dietro alle vetrate, sottili pannelli decorativi in resina acrilica, appesi a un binario lungo il quale possono scorrere, garantiscono, al bisogno, privacy e ombra.

➋ Il tavolino realizzato a mano è un omaggio spiritoso al classico Noguchi di Isamu Noguchi per Vitra. Un candelabro realizzato con un becco di Bunsen, appoggiato a uno sgabello dal gusto artigianale, aggiunge una nota di umorismo al soggiorno, dove non mancano altri dettagli interessanti e originali, come alcuni scaffali per libri vintage, ricavati da vecchie casse, e il poggiapiedi, recuperato, rivestito di un tessuto fiorato a larghi motivi e colori ad alto impatto.

 

➌ Siamo decisamente in una casa sul fiume: il container offre da ogni lato una vista strepitosa del porticciolo. Vivere sull’acqua è stata una vera scoperta per il suo proprietario Max, che ha attrezzato l’ormeggio con tavolino e sedie di metallo per godersi il paesaggio anche all’aria aperta. È ovviamente impossibile non notare il container nel paesaggio della marina, è interessante osservare però che non spicca come un elemento così estraneo rispetto al resto, come forse accadrebbe in un luogo diverso, lontano dall’acqua.

➍ Sopra l’alto bancone della cucina è messa bene in evidenza un’altra invenzione del proprietario di casa: delle lampade realizzate con vecchi stampi da budino, ricolorati di bianco per dare una sensazione di maggiore leggerezza.

 

➎ L’area dedicata alla cucina è stata delimitata da una piastrellatura alle pareti, su cui sono state posizionate le mensole, incastrate perfettamente tra le tubature dell’acqua, a vista. Un altro riuscito espediente per risparmiare spazio è il rubinetto che viene utilizzato contemporaneamente da bagno e cucina.

➏ Ecco il particolare della meravigliosa cucina Rayburn, capace di creare un’atmosfera calda e molto accogliente. Il designer l’ha comprata a poco più di mille euro su Gumtree e la usa per far funzionare il riscaldamento a pavimento e riscaldare l’acqua, oltre che, naturalmente, per cucinare. Il mobile è stato per forza posizionato esattamente al centro del container per ragioni di distribuzione del peso.

➐ In camera da letto Max è riuscito a far stare un letto king-size e due sottili comodini salvaspazio: sotto di essi sono state appese le lampade, realizzate con barattoli per caramelle, in modo da lasciare così liberi i ripiani. Alle pareti una texture molto piacevole, ottenuta mescolando la vernice a segatura e PVA. Il letto al centro si divide e scorre, per svelare la possibilità di accedere, nella parte inferiore, a un grande spazio adibito ad armadio.

Houzz (www.houzz.it) è una piattaforma online internazionale dedicata alla ristrutturazione e al design di interni e esterni. Grazie a una community molto attiva e ad oltre 12 milioni di foto mette in contatto proprietari di case e appassionati di design con i progettisti e i professionisti della casa, in tutto il paese e in tutto il mondo. Houzz è nato negli Usa e oggi ha altre 15 versioni locali, come Giappone, Australia, Spagna, Francia, Russia e Italia.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here