Il parquet è sempre di moda: ecco perché

Salubre, elegante e simbolo di qualità artigianale, questo rivestimento offre infinite varietà e possibilità progettuali, anche utilizzando specie legnose nazionali e locali

Nella casa del futuro ci sarà sempre spazio per il legno, protagonista in variegate forme dell’abitare e del design, rispettoso del bene comune e sostenibile. Il parquet fa parte di questo mondo: è un elemento d'arredo senza tempo, nel suo eclettismo a metà strada tra tradizione e modernità. Non è un semplice complemento, ma un compendio di valori, di abilità artigiana, di bellezza e salubrità. Nel confronto con altri materiali, l’impronta ecologica del legno è una delle meno impattanti sull’ambiente.

Come sottolinea EdilegnoAredo (associazione che fa parte di FederlengoArredo), il legno utilizzato in edilizia proviene infatti da foreste a taglio programmato: è un materiale rinnovabile che richiede, nella fase di produzione, un bassissimo consumo di energia. E aiuta a mantenere in casa il microclima ideale.

«Il parquet è giustamente considerato un veicolo di praticità e complicità. La presenza della natura ci conforta», commenta Franco Laner, architetto italiano pioniere dell'impiego del legno lamellare in Italia. Ma il legno si è affermato anche per le sue virtù intrinseche, di elevata funzionalità. L’altro vantaggio sta nella versatilità. Per il pavimento la gamma delle specie è molto ampia: una cura progettuale garantisce un pavimento personalizzato con il minimo sforzo. «Per i pavimenti si possono impiegare specie legnose nazionali o addirittura locali, quali ad esempio, Faggio, Larice, Olivo, Olmo, Frassino e Acacia. Al progettista non resta che assecondare il legno e farsi ispirare».

Grazie ala sua capacità di evolversi e di offrire un amio ventaglio di differenti soluzioni, il parquet  rappresenta dunque un'opportunità per progettisti e architetti. Lo conferma Gaetano Castro, ricercatore CREA-PLF: «Esiste ormai una tale quantità di formati e di finiture che risulta difficile immaginare una situazione in cui non sia possibile individuare almeno una pavimentazione che non vi si integri perfettamente. Questo vale per il “vero” parquet, sia nel caso di elementi massicci che di elementi stratificati con lo strato superficiale di calpestio di legno nobile, che deve avere uno spessore in grado di assicurare molti anni di servizio».

Per chi predilige le essenze nazionali e ocali o, comunque, i prodotti Made in Italy, il punto di riferimento nazionale è il Gruppo Pavimenti di Legno di EdilegnoArredo. L'associazione sviluppa e divulga un'intensa attività tecnico/normativa (UNI e CEN), anche a livello di ricerca, sull'applicazione e l'aggiornamento delle normative settoriali. Promuove inoltre una corretta informazione sulla provenienza, le lavorazioni e le soluzioni applicative del parquet.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here