Il fascino del cemento interpretato dal gres

Nuova collezione in gres porcellanato per Cir Manifatture Ceramiche, che con Revolution propone una rivisitazione decorativa del cemento

Materiale plastico, versatile e creativo, caratterizzato da un'eleganza minimalista, il cemento è sempre più usato nell'architettura moderna. I produttori di ceramiche hanno fatto tesoro di questa tendenza, interpretando il cemento in versione innovativa e spesso trendy.

Tra le ultime proposte del settore c'è quella di Cir Manifatture Ceramiche (brand del Gruppo Romani), che in occasione di Coverings 2018 (importante kermesse fieristica del settore ceramico Usa che si tiene negli Usa) ha presentato Revolution, nuova collezione in gres porcellanato che ripropone con queste "cementine" atmostere passate e industrial, ma pensate per esere flessibili e adattabili ad arredamenti sia tradizionali che contemporanei. Due le versioni della gamma: Revolution_C e Revolution_M.

Quattro le cromie di Revolution_C: Calce, la più chiara, ricorda la polvere di gesso; Peltro è un leggero tono di grigio che diventa più intenso nella versione Zinco; Carbone è, infine, l'antracite, cromia forte e decisa. I formati, dal 20x20 al 60x120 cm, con superfice naturale e LUX, consentono di sottolineare le specifiche caratteristiche di differenti spazi architettonici.

Più decorativa, Revolution_M (le foto sono di questa clolezione) sviluppa un'ideale connessione con l'altra collezione attraverso il medesimo concept. La gamma colore si estende, tra fondi a tinta unita e decorati, dalle nuance più tenui (Cotone, Polvere e Visione), a quelle più decise (Pece, Vinacica e Petrolio). Si distingue, inoltre, per l'unicità dei formati e la decorazione per originali soluzioni progettuali: REV_DEC MIX è un decoro random abbinabile a tutti i fondi, nel formato tradizionale 20x20 che nel più ricercato Esagona.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here