Drusa, la luce prende la forma dei cristalli

La lampada Drusa, disegnata da Adriano Rachele per Slamp.

Drusa: la luce firmata Slamp e disegnata da Adriano Rachele usando il Lentiflex, ricorda i cristalli incastonati nelle rocce

“Lavoro con la luce da sempre, è l’unico elemento che dà un’anima visibile agli oggetti, aggiungendo calore e magia. Perdermi nell’universo creativo fino a realizzare, vedere e toccare ciò che fino a quel momento potevo solo immaginare è la parte più gratificante del mio essere designer. Citando Hopper, quello che vorrei dipingere è la luce del sole sulla parete di una casa”. Così Adriano Rachele racconta la sua filosofia progettuale, applicata anche per Drusa, recentemente presentata da Slamp, chiamata in questo modo proprio per la somiglianza con la drusa, tipica aggregazione di cristalli spesso utilizzata per scopi decorativi.

Ispirandosi ai cristalli incastonati nelle fratture delle rocce e ai loro riflessi, il designer ha progettato una lampada di forma contemporanea e creativa applicando un materiale di ultima generazione, il Lentiflex stampato con finitura Velvet, per sottolineare gli effetti luminosi. Drusa è disponibile sia in versione plafoniera/applique che a sospensione e ospita sorgenti luminose a LED. Il designer, Adriano Rachele, laureato in Disegno Industriale, cerca nei propri progetti la possibilità di renderli pezzi unici, pur rimanendo nella produzione in serie. Forme morbide e sinuose, abbinate a tecnologie di ultima generazione, diventano lo strumento per creare suggestione e dare agli ambienti un’identità forte. Riconosciuto come uno dei giovani talenti del design italiano, Adriano Rachele ha vinto il Red Dot Design Award nel 2012.
La versione Suspension di Drusa costa 420 euro; la versione Ceiling/Wall costa 350 euro.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here