Da una vecchia stalla è nata una sensoriale eco SPA

Un vecchio stàvolo friuliano ora interpreta i quattro elementi aria, acqua, terra e fuoco per ricreare un ambiente unico, che ospita sauna, bagno turco, area relax

L’intervento

Un antico stávolo in pietra (tipica costruzione del Friuli Venezia Giulia per alloggiare greggi e mandrie e, all’occorrenza, il fieno nelle stagioni invernali) rivive grazie a questo interessante intervento di ristrutturazione, tramutandosi in una mini eco-spa.

Al piano terra di un antico stávolo in pietra, nelle montagne friulane, è stata ricavata una suggestiva SPA ispirata ai simboli della natura. Prima della ristrutturazione, l’ambiente originario si presentava indiviso: un ampio rettangolo con muri in pietra a vista e solaio in legno, al suo interno un unico pilastro e un setto murario, finestre su due lati del perimetro.
Lo spazio è stato sapientemente suddiviso.
Nella zona delimitata dal setto sono stati ricavati l’ingresso - con un’originale bussola in vetro e acciaio di colore rosso - da cui si accede allo spogliatoio che ospita una lunga seduta in listelli di legno. Sul fondo è ubicato un bagno completo di doccia.

Attraverso un portone scorrevole si accede alla SPA vera e propria, composta di sauna finlandese, bagno turco con gettate di vapore alle essenze naturali e un’ampia area relax.
Il bagno turco è interamente rivestito in mosaico sui toni del bronzo. Per l’area relax invece sono stati scelti colori scuri ispirati alla natura. Il pavimento in lastre di ardesia ben si abbina all’involucro esistente in pietra e legno. Il biocamino a fiamma libera, a rievocare un antico fuoco, è in posizione baricentrica e visibile da tutti i lati, ubicato fra le chaise longue in legno e ferro e la grande doccia a filo pavimento con vetro fisso.
Anche il pilastro al centro del locale – forte vincolo distributivo – si tramuta in un significativo arredo: interamente rivestito in acciaio inox, riflette l’ambiente circostante creando interessanti scorci prospettici.
I temi che hanno ispirato questa progettazione – i quattro elementi naturali aria, acqua, terra e fuoco – vengono egregiamente interpretatati per offrire un’esperienza emozionale fuori dal tempo.

PROGETTISTA
Arch. Alessio Princic
FOTOGRAFIE
Cristina Fiorentini

Questo progetto è stato pubblicato sul numero 6/2017 di Come Ristrutturare la Casa (leggi qui un estratto della rivista). Per conoscerne i dettagli con i costi e vedere le planimetrie, acquista la rivista.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here