Con il bonus verde è il momento di rifare giardini e terrazzi

Attiva per tutto il 2018 la detrazione del 36% dei costi sostenuti per interventi di “sistemazione a verde”, fino a un massimo di spesa di 5.000 euro

Ormai è certo: da quest'anno c'è il bonus verde che consente di detrarre dall'Irpef le spese per il verde su giardini e terrazzi. Lo ha definitivamente stabilito la Legge di Bilancio 2018, pubblicata in Gazzetta Ufficiale il 29 dicembre, insieme ad altri provvedimenti per i privati che riguardano il settore casa.

Il "bonus verde" è una detrazione del 36% delle spese, valevole per tutto il 2018, fino a un ammontare complessivo non superiore a 5.000 euro, per la sistemazione a verde di aree scoperte (giardini, giardini di interesse storico, terrazzi, balconi) di pertinenza di unità immobiliari private esistenti, e riguarda la realizzazione di impianti di irrigazione, pozzi, fornitura di piante, siepi, coperture a verde e giardini pensili. Nelle spese incentivabili rientrano anche quelle relative a “progettazione e manutenzione” dei lavori. La detrazione spetta anche a interventi effettuati sulle parti comuni esterne degli edifici condominiali.

Si tratta di una detrazione che riguarda la casa e non la persona, per cui se ne può beneficiare su differenti immobili; la detrazione deve essere ripartita in 10 rate annuali di pari importo, per una quota massima detraibile che risulta di 1.800 euro, con rate da 180 euro. I pagamenti devono essere effettuati con strumenti idonei a consentire la tracciabilità delle operazioni. Secondo i promotori del bonus verde, si tratta di una misura contro l'inquinamento (riduzione di anidride carbonica, influsso positivo del verde pensile sull'isolamento termico degli ambienti interni, con conseguente risparmio energetico) che offre una leva per tutto il mondo floro-vivaistico italiano.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here