Come realizzare un pavimento solido

Addio demolizioni e collanti con i sistemi di posa a secco. Ecco i pavimenti pronti all’uso che rinnovano gli ambienti domestici in poche, semplici mosse.

Del Conca MONTE NAPOLEONE FAST (10)
Il sistema Del Conca Fast consente di posare a secco gli elementi, sia su sottofondo che su pavimento preesistente.

I pavimenti rappresentano un vero e proprio elemento di arredo. Spesso vengono sottoposti a restyling perché influiscono in maniera determinante sull’aspetto complessivo della casa: luminosità e ampiezza degli ambienti possono essere percepiti in modo differente in base a colore, materiale e dimensione degli elementi scelti per la pavimentazione. Rinnovarli, nel passato, era un lavoro impegnativo perché era indispensabile eliminare la vecchia pavimentazione e ripristinare il massetto cementizio sottostante. Oggi la tecnologia di nuovi sistemi e la ricerca di materiali innovativi consentono di evitare dispendiose operazioni, ricorrendo a soluzioni con elementi posati a secco sulla vecchia pavimentazione e dallo spessore limitato. La posa è facile da eseguire e permette di usufruire dell’ambiente dopo poche ore dalla realizzazione. Lo spessore limitato permette, inoltre, la perfetta integrazione con la pavimentazione esistente, ma se si scelgono rivestimenti dallo spessore superiore a un centimetro? È possibile applicare appositi profili di raccordo con le altre pavimentazioni.

Ceramica Del Conca MOntenapoleone Fast
La linea Montenapoleone di Del Conca è disponibile in quattro varianti tutte effetto legno: bianco, grigio, beige e noce nelle dimensioni di 15x120 o 20x120 cm.

La gamma di materiali e finiture tra cui scegliere è molto vasta: risulta impossibile non accontentare tutti i gusti. Oggi sono disponibili anche soluzioni in ceramica con posa a secco. In questo modo si evitano i pesanti lavori di demolizione e smaltimento della vecchia pavimentazione, senza rinunciare all’uso di materiali di pregio e con un risultato estetico notevole. Grazie a questi sistemi, in poche ore, si può realizzare un nuovo pavimento in ceramica. E senza dover traslocare, ma soltanto spostando i mobili. Le collezioni di piastrelle in gres porcellanato offrono, inoltre, un’ampia varietà di colori, stili, formati, decori e “texture”. L’estetica “effetto legno”, in particolare, riscontra grande successo soprattutto per quegli ambienti, come la cucina o il bagno, in cui molti preferiscono evitare la posa di un pavimento in vero legno. Queste piastrelle si trovano in diversi formati, anche a doghe, che imitano il pavimento in essenza. L’effetto estetico è sorprendente, perché la tecnologia consente di riprodurre alla perfezione le venature e le trame del materiale naturale: dal rovere, all’ulivo, al noce e molti altri. Si tratta di piastrelle rettificate, cioè perfettamente squadrate per permettere una posa con fughe quasi impercettibili: una superficie stabile, continua e immediatamente calpestabile. E nel caso di cambio abitazione è possibile rimuovere l’intera superficie, o alcune parti, recuperando il prodotto e ripristinando il pavimento preesistente.

COME FARE

Posare i pavimenti a secco in gres porcellanato è molto semplice: basta disporre di pochi attrezzi e buona volontà. La nuova superficie può essere realizzata da chiunque, senza posatori specializzati, ed è immediatamente calpestabile. I tempi di posa sono, inoltre, rapidissimi, seguendo le precise indicazioni delle aziende. Il sistema brevettato Del Conca Fast, per esempio, consente di posare a secco gli elementi, sia su sottofondo che su pavimento preesistente. Il prodotto non teme umidità, né acqua e si può impiegare anche nei bagni.

1. Sistemare la prima fila di piastrelle  Controllare che la superficie di posa sia rigida, piana e pulita. Rimuovere i battiscopa e stendere il materassino fonoassorbente evitando la formazione di pieghe. Disporre i primi listelli lungo una parete, apponendo gli inserti di 5 mm nelle fessure laterali.

2. Applicare gli inserti Gli elementi successivi vanno incastrati a quelli già in posizione mediante l’uso di inserti applicati nelle scanalature. Devono essere utilizzati due inserti sulle estremità e due sulla lunghezza rimanente.

3. Preparare la posa delle altre file di listelli Gli inserti creano gli incastri nei punti sfalsati scelti per la posa del pavimento.  Da applicare con una leggera pressione e con un martello di gomma.

4. Posizionare la seconda fila di piastrelle Utilizzare uno schema sfalsato e accostare le piastrelle da installare. Muoverle leggermente per assicurarsi che gli inserti siano stati incastrati correttamente.

5. Procedere con gli altri listelli Proseguire l’installazione del nuovo pavimento. Assicurarsi che le fughe siano sempre ben accostate sia sulle lunghezze che sulle estremità delle piastrelle, impiegando un elemento di legno e un martello di gomma.

6. Completare l’installazione Sicuramente sarà necessario rifilare le piastrelle in base alle dimensioni dell’ambiente. Per questo motivo, è necessario dotarsi di un tagliapiastrelle o di un flessibile con disco diamantato.

LASCIA UN COMMENTO