Come posare il mosaico

Il rivestimento con tessere di mosaico rappresenta una soluzione innovativa e originale, adatta per ogni tipologia di ambiente.

trend group
Trend Group Spa

È un’arte antica. La sua tecnica si tramanda invariata da generazioni, ma le sue applicazioni nel tempo si sono evolute. Oggi esprime una soluzione di tendenza, con rinnovata eleganza di materiali e semplicità di installazione. Il rivestimento con tessere di piccole dimensioni rappresenta, infatti, una soluzione innovativa rispetto alle tradizionali piastrelle: consente di trasformare radicalmente l’aspetto dell'ambiente senza che sia necessario intervenire con opere murarie. È lo strumento ideale per ripristinare superfici rovinate, dare un nuovo look a piani d’appoggio o personalizzare intere pareti. I materiali da utilizzare possono essere diversi, da quelli più tradizionali a quelli più moderni, da quelli più pregiati e naturali a quelli più innovativi. C’è solo l’imbarazzo della scelta, che si basa soprattutto sull’effetto estetico che si vuole ottenere e sul budget di spesa a disposizione.

Rumble Grey_Amb
Mosaico+ Srl

Si possono realizzare mosaici con tasselli di marmo, di pietra o di travertino, dall’aspetto più grezzo e naturale, ma anche in pasta di vetro, ceramica smaltata, gres, resina o nuovi composti realizzati con materiali di scarto. In commercio sono disponibili anche fogli di mosaici già pronti, con i tasselli montati su apposite reti da fissare con colle specifiche alla parete o al pavimento. Unica condizione richiesta è che la superficie da rivestire non abbia un andamento ondulato e che non sia troppo irregolare, altrimenti il lavoro sarebbe davvero impegnativo. La prima scelta, quella fondamentale quando si tratta di rivestire a mosaico interi ambienti, è quella del colore. Oltre alle proprie personali inclinazioni e preferenze cromatiche, è fondamentale assecondare le caratteristiche degli spazi. Se si tratta di una stanza piccola, non ben illuminata, meglio puntare su materiali luminosi e riflettenti, dai colori chiari, come il bianco, il grigio perla, il latte, il verde acqua. Negli ambienti più ampi e ricchi di luce naturale, si può osare anche con colori meno chiari, per esempio le tonalità del grigio fumo, del blu, del verde foresta o del nero.

Memoria ombra 08 - 1
Appiani Gruppo Altaeco Spa

COME FARE
Il mosaico non è solo un prodotto. È un mezzo per comunicare stile, cultura, eleganza, tradizione. Ecco perché la posa è importante e deve essere eseguita “a regola d’arte”. Per garantire un valido risultato di semplice applicazione, Mosaico+ propone soluzioni esteticamente raffinate e qualitativamente innovative. Le tessere sono disponibili su supporti differenti, in base al diverso tipo di sottofondo sul quale devono essere applicate. Nel supporto a rete, adatto a qualsiasi utilizzo, il retro delle tessere è appoggiato direttamente sul collante, così la posa è di più facile intuizione anche per posatori inesperti. Il supporto su carta è indicato per tutti i materiali artistici e per superfici curve o complesse. Per assicurare un migliore controllo del progetto generale, è possibile ricorrere al supporto su film plastico.

1. Preparare il sottofondo Il sottofondo deve essere maturato o stagionato, pulito, piano e regolare, senza elementi metallici, fessure e tracce di polvere in superficie. In caso di rasatura correttiva è opportuno usare prodotti specifici di colore bianco per non compromettere la percezione delle colorazioni trasparenti del mosaico.

2. Verificare lo spazio di posa Lo spazio di posa deve corrispondere a un numero esatto di tessere. Accostando i fogli “a secco”, è possibile valutare se “aggiustare”, dove necessario, con uno strato più spesso di colla durante la rasatura oppure allontanare la distanza tra le tessere con il cazzuolino fino al raggiungimento del margine.

3. Tracciare il punto di partenza  Prima di iniziare è importante tracciare alcune linee di riferimento, con l’aiuto di staggia e livella, per l’applicazione dei primi fogli. Si dovrà iniziare col posare il materiale nell’area tra il 1° e il 2° livello.

4. Stendere il collante Il collante va preparato seguendo le indicazioni della scheda tecnica del produttore per ottenere un composto omogeneo e senza grumi. Deve essere applicato in modo uniforme con l’aiuto di una spatola.

5. Applicare i fogli con supporto a rete Appoggiare il lato con la rete dei fogli di mosaico direttamente sullo strato di colla, premendo delicatamente e verificando che la distanza tra i fogli sia la stessa di quella tra le tessere. La battitura con frattazzo gommato permette alla colla di penetrare tra le tessere.

6. Completare l’installazione Verificare che la superficie sia perfettamente asciutta e che non ci siano residui di acqua o detergente tra le fughe. Con l'aiuto di un frattazzo di gomma, stendere lo stucco con movimento diagonale rispetto all’andamento delle tessere e dal basso verso l’alto, avendo cura di riempire le fughe in profondità.

 

Per leggere l'articolo completo 

 

LASCIA UN COMMENTO