Come posare e pulire le piastrelle

Le piastrelle si trasformano e si personalizzano facilmente. Ecco alcune soluzioni di tendenza e piccoli accorgimenti per rinnovarle, contenendo la spesa.

5_1
Decorazioni a rilievo Le conchiglie decorative a parete, in color pietra d’Assisi, sono realizzate con Starlike nella versione stucco e stencil StenDecor di Litokol. La parete è in finitura liscia realizzata con tecnica fresco su fresco a due colori, cui sono seguite due rasature. Litokol Spa

Voglia di cambiare colore? Piccole modiche e lavori adatti al fai-da-te possono donare un aspetto nuovo allo spazio della vostra casa, senza dover ricorrere a soluzioni drastiche e spesso costose. Pittura, stickers e stencil sono una valida alternativa per agire sulle vecchie piastrelle del bagno o della cucina e renderle più attuali. In particolare, sul mercato sono presenti prodotti per procedere alla verniciatura delle piastrelle che garantiscono ottimi risultati, queste ultime fossero particolarmente logore. In questo caso è importante la preparazione del fondo per ripristinare la superficie liscia e priva di avvallamenti mediante apposito stucco. Prima di iniziare con la verniciatura è, poi, necessario provvedere alla loro accurata pulizia con una spugna imbevuta di detergente e acqua. Nel caso in cui sia stato impiegato lo stucco di riempimento, è necessario ricorrere alla spatola per rimuoverne l'eccesso. Se anche le fughe risultassero particolarmente spente, è necessario ravvivarle con specifici pennarelli o prodotti specifici. In alternativa proteggerle, applicando bande autoincollanti, prima in senso orizzontale e poi in verticale. Successivamente si potrà effettuare la verniciatura, con una o due applicazioni, in base alle indicazioni del produttore. La vernice non deve risultare molto liquida: in questi casi è opportuno aiutarsi con la carta assorbente.

1_1
Rinnovare con brio. Piccoli elementi floreali, dalle linee stilizzate, adatti alle mani meno esperte. Un sapiente gioco di vuoti e pieni, da combinare con fantasia sul fondo verniciato in tinte chiare, aumenta l'idea di decorazione. Senza eccessi. ArteDeco

La scelta del colore, poi, è fondamentale. Per rendere più grande l’ambiente, ad esempio, sarebbero da evitare le tinte del rosso e dell’arancio, colori che rendono lo spazio più ravvicinato e intimo. Sfumature di verde e azzurro rischiano di donare all’ambiente una freddezza eccessiva, soprattutto se le stanza non riceve la luce diretta del sole attraverso le finestre. Al contrario, tonalità chiare di beige e sabbia concorrono a donare un senso di spazio più ampio e dilatato. Le piastrelle potranno essere rinnovate con tinte monocromatiche, applicate su tutta la parete, oppure secondo una combinazione ben studiata di colori diversi, sulla stessa tonalità di base.

 

COME FARE
Le fasi dell’opera

Le fasi dell’opera e i costi Le dimensioni delle fughe dipendono dal tipo di piastrella e dal gusto personale. Lo spazio minimo è di due millimetri, distanza possibile solo con le piastrelle rettificate. Se le piastrelle non sono rettificate sarà necessaria una fuga maggiore. Il tempo e l'uso tendono a consumare, ma anche a sporcare le fughe e a rendere poco piacevole tutta la parete. Ftecnologie propone FugaPerfetta, una soluzione densa da applicare direttamente sulle fughe delle piastrelle. Il prodotto penetra la superficie della malta, creando uno strato uniforme e continuo, con effetto finale simile allo stucco. E’ resistente alle abrasioni, all’umidità e ai prodotti chimici e protegge da macchie e muffe. Rapida applicazione e manutenzione duratura per un prodotto adatto al fai-da-te.

  1. Pulire le fughe. Prima di iniziare il lavoro, le fughe devono essere pulite con un detergente per rimuovere lo sporco (grassi, olio o sapone) e il calcare. Lasciare asciugare le fughe, prima di effettuare l'applicazione.
  2. Effettuare l'applicazione. Dopo aver agitato il contentore, stendere una striscia sottile di prodotto lungo il centro della fuga, utilizzando l'apposito utensile fornito. Assicurarsi che venga depositato uno strato uniforme di prodotto, mediante un movimento lento e preciso.
  3. Eliminare l'eccesso. Pulire con un panno umido le fughe che presentano una quantità eccessiva di prodotto, quando è ancora umido. Lavorare con il bordo piegato del panno e guidare il movimento con il palmo della mano.
  4. Verificare l'uniformità. Ripetere l'applicazione del prodotto e la successiva pulitura nei punti in cui l'applicazione non risulti uniforme.
  5. Lucidare le piastrelle. Dopo aver atteso i tempi di asciugatura, spruzzare un velo di acqua di rubinetto sulle superfici e lucidare le piastrelle mediante operazione manuale. Per superfici estese è opportuno ricorrere a una macchina lucidatrice.
  6. Attendere l'asciugatura. Il trattamento è completo dopo la lucidatura, con tempi di attesa variabili in base all'umidità dell'ambiente, da 12 a 48 ore.

LASCIA UN COMMENTO